Fanny Ardant

Fanny Ardant

nata il 22.3.1949 a Saumur, Loire, Francia

Fanny Ardant

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Fanny Ardant nel 2009

Fanny Marguerite Judith Ardant (Saumur, 22 marzo 1949) è un'attrice francese.

Biografia

Figlia di un ufficiale di cavalleria di Palazzo Grimaldi a Montecarlo, dopo aver studiato lingue, all'età di 22 anni abbandona la famiglia che non condivideva le sue intenzioni di intraprendere la carriera cinematografica.

Carriera

Il suo esordio cinematografico risale al 1976 nel film Marie-poupée diretto da Joël Séria. Interpreta vari film per la TV che le valgono l'attenzione di François Truffaut che la vuole nel ruolo di protagonista ne La signora della porta accanto (1981) e che diventerà suo compagno e da cui avrà una figlia nel 1983, Josephine. Sempre nello stesso anno lavora con Claude Lelouch che la dirige in Bolero.

Nel frattempo aveva lavorato con Vittorio Gassman in Benvenuta (1983) di André Delvaux e La vita è un romanzo (1983) con Gassman e Geraldine Chaplin. Dopo la morte di Truffaut nel 1984, Fanny Ardant partecipa al film Un amore di Swann (1984) con Ornella Muti, Michele Placido, Alain Cluny e Alain Delon, Consiglio di famiglia (1986) di Costa-Gavras, in cui lavorò anche Jack Nicholson, e La famiglia (1987), diretto da Ettore Scola, nuovamente con Gassman.

Dopo qualche film minore partecipa a L'ultima luna (1990), Il colonnello Chabert (1993), Sabrina (1995) di Sydney Pollack e soprattutto a Al di là delle nuvole (1995), di Michelangelo Antonioni, con Marcello Mastroianni, Ines Sastre e Claudia Cardinale, partecipa con una parte minima, nell'episodio con Jean Reno. Con Mastroianni lavora anche in Cento e una notte (1996), vince un David di Donatello per il film Di giorno e di notte (1996), una commedia di Gabriel Aghion, e nel celebre La cena (1998) di Ettore Scola, ultimo della coppia Ardant-Gassman.

Il 2000 le offre ruoli importanti in film importanti come Nessuna notizia da Dio (2001), il thriller-commedia 8 donne e un mistero (2002) di François Ozon con Catherine Deneuve, Virginie Ledoyen, Emmanuelle Béart e Isabelle Huppert, L'odore del sangue (2003) che la vede in coppia con Michele Placido. Il 23 agosto 2007 il TG2 riporta degli spezzoni di una sua intervista dove l'attrice dichiara la sua simpatia per Renato Curcio e per le Brigate Rosse[1].

L'intervista provoca molte reazioni polemiche, tra cui quella del presidente della Regione Veneto, Giancarlo Galan che invita l'attrice a non presentarsi al festival di Venezia[2]. Il giorno seguente Fanny Ardant ha chiesto scusa alle vittime delle Brigate Rosse per il suo elogio a Curcio[3]. Nel 2009 realizza il suo primo film come regista: Cendres et sang. Nel 2011 partecipa al video musicale della canzone Elle Me Dit di Mika. Nel 2013 torna dietro la macchina da presa per dirigere il film Cadences obstinées con Asia Argento, Nuno Lopes, Franco Nero e Gérard Depardieu. Il film uscirà nelle sale francesi il 4 dicembre.

Vita privata

Fanny M. J. Ardant ha un fratello e una sorella.

Non si è mai sposata, ma ha avuto tre figlie: Lumir, nata nel 1975 da Domenico Leverd, Josephine, nata nel 1983 da François Truffaut, e Baladine, nata nel 1990 da Fabio Conversi.

Filmografia

  • Marie-poupée, regia di Joël Séria (1976)
  • Le mutant, mini serie TV, regia di Bernard Toublanc-Michel (1978)
  • Dogs man (Les chiens), regia di Alain Jessua (1979)
  • La muse et la Madone, film TV, regia di Nina Companéez (1979)
  • Ego, film TV, regia di Jean-Marie Marcel (1979)
  • Les dames de la côte, mini serie TV, regia di Nina Companéez (1979)
  • I racconti di Edgar Allan Poe (Histoires extraordinaires), serie TV, episodio: La chute de la maison Usher, regia di Alexandre Astruc (1981)
  • Le Roman du samedi: mémoires de deux jeunes mariées, film TV, regia di Marcel Cravenne (1981)
  • Les bons bourgeois, film TV, regia di Pierre Desfons (1981)
  • La signora della porta accanto (La femme d'à côté), regia di François Truffaut (1981)
  • Bolero (Les uns et les autres), regia di Claude Lelouch (1981)
  • Le chef de famille, mini serie TV, regia di Nina Companéez (1982)
  • Desiderio, regia di Anna Maria Tatò (1983)
  • La vita è un romanzo (La vie est un roman), regia di Alain Resnais (1983)
  • Finalmente domenica! (Vivement dimanche!), regia di François Truffaut (1983)
  • Benvenuta, regia di André Delvaux (1983)
  • Les uns et les autres, miniserie in 5 episodi, regia di Claude Lelouch (1983)
  • L'amour à mort, regia di Alain Resnais (1984)
  • Un amore di Swann (Un amour de Swann, regia di Volker Schlöndorff (1984)
  • Mademoiselle Julie, film TV, regia di Yves-André Hubert (1984)
  • L'estate prossima (L'été prochain), regia di Nadine Trintignant (1985)
  • Macumba story (Les enragés), regia di Pierre-William Glenn (1985)
  • Consiglio di famiglia (Conseil de famille), regia di Constantin Costa-Gavras
  • Le paltoquet, regia di Michel Deville (1986)
  • Mélo, regia di Alain Resnais (1986)
  • La famiglia, regia di Ettore Scola (1987)
  • Biafra: la naissance, lungometraggio, episodio della serie TV Médecins des hommes, regia di Laurent Heynemann (1988)
  • L'altro enigma, film TV, regia di Vittorio Gassman e Carlo Tuzii (1988)
  • Paura e amore, regia di Margarethe von Trotta (1988)
  • La grande cabriolé, miniserie TV, regia di Nina Companéez (1989)
  • Pleure pas my love, regia di Tony Gatlif (1989)
  • Australia, regia di Jean-Jacques Andrien
  • L'ultima luna - L'avventura di Catherine C. (Aventure de Catherine C.), regia di Pierre Beuchot (1990)
  • Jeux d'hiver, cortometraggio, regia di Alain Le Breton (1991)
  • Occhi nel buio (Afraid of the Dark), regia di Mark Peploe (1991)
  • Rien que des mensonges, regia di Paule Muret (1991)
  • La femme du déserteur, regia di Michal Bat-Adam (1993)
  • Amok, regia di Joël Farges (1993)
  • Il colonnello Chabert (Le colonel Chabert), regia di Yves Angelo (1994)
  • La settima stanza (Siòdmy Pokòj), regia di Márta Mészáros (1995)
  • Les cent et une nuits de Simon Cinéma, regia di Agnès Varda (1995)
  • Al di là delle nuvole, regia di Michelangelo Antonioni (1995)
  • Sabrina, regia di Sydney Pollack (1995)
  • Di giorno e notte (Pédale douce), regia di Gabriel Aghion (1997)
  • Désiré, regia di Bernard Murat (1996)
  • Ridicule (Ridicule), regia di Patrice Leconte (1996)
  • Elizabeth, regia di Shekhar Kapur (1998)
  • La cena, regia di Ettore Scola (1998)
  • Balzac, film TV, regia di Josée Dayan (1999)
  • La débandade, regia di Claude Berri (1999)
  • Le fils du français, regia di Gérard Lauzier (1999)
  • Le libertin, regia di Gabriel Aghion (2000)
  • Nessuna notizia da Dio (Sin noticias de Dios), regia di Agustin Diaz Yanes (2001)
  • Change moi ma vie, regia di Liria Begeja (2001)
  • 8 donne e un mistero (8 femmes), regia di François Ozon (2002)
  • Callas Forever, regia di Franco Zeffirelli (2002)
  • Sarah, film TV, regia di Yves Di Tullio e Bernard Murat (2003)
  • Nathalie..., regia di Anne Fontaine (2003)
  • L'odore del sangue, regia di Mario Martone (2003)
  • El año del diluvio, regia di Jaime Chávarri (2004)
  • Emeth, regia di Avi Nesher (2006)
  • Paris, je t'aime, regia di Richard LaGravenese (2006)
  • La chambre d'ami (2006)
  • Bord Cadre (2006)
  • Le Beau Monde (2006)
  • Roman de Gare, regia di Claude Lelouch alias Hervé Picard (2007)
  • L'ora di Punta, regia di Vincenzo Marra (2007)
  • The Secrets - Segreti, regia di Avi Nesher (2007)
  • Hello Goodbye, regia di Graham Guit (2008)
  • Il Divo, regia di Paolo Sorrentino (2008)
  • Visage, regia di Tsai Ming-liang (2009)
  • You Never Left regia di Youssef Nabil (2010)
  • Interno giorno, regia di Tommaso Rossellini (2011)
  • La grande bellezza, regia di Paolo Sorrentino (2013) cameo nel ruolo di se stessa

Regista

  • Cendres et sang, regia di Fanny Ardant (2009)
  • Cadences obstinées, regia di Fanny Ardant (2013)

Teatro

  • 1974 Polyeucte di Pierre Corneille, regia di Dominique Leverd
  • 1976 Le Maître de Santiago di Henry de Montherlant, regia di Dominique Leverd
  • 1977 Esther di Jean Racine, regia di Dominique Delouche
  • 1978 Elettra di Jean Giraudoux, regia di Dominique Leverd
  • 1979 Tête d'or di Paul Claudel, regia di Dominique Leverd
  • 1980 Les bons bourgeois di René de Obaldia, regia di Jacques Rosny
  • 1983 La signorina Julie di August Strindberg, regia di Andréas Voutsinas
  • 1987 Don Giovanni di Molière, regia di Francis Huster
  • 1990 Come tu mi vuoi di Luigi Pirandello, regia di Maurice Attias
  • 1992-94 L'aide mémoire di Jean-Claude Carrière, regia di Bernard Murat
  • 1995-96 La musica deuxième di Marguerite Duras, regia di Bernard Murat
  • 1997 Master Class di Terrence McNally, regia di Roman Polanski
  • 2008 Véronique operetta di André Messager
  • 2009 Music-hall di Jean-Luc Lagarce, regia di Lambert Wilson, Théâtre des Bouffes du Nord
  • 2011 L'anno del pensiero magico di Joan Didion, Théâtre de l'Atelier

Note

  1. Fanny Ardant in pieno delirio: "Renato Curcio, eroe di libertà", Quotidiano Nazionale
  2. Galan: Fanny Ardant non venga a Venezia, corriere.it
  3. Elogio a Curcio, la Ardant chiede scusa, corriere.it

Altri progetti

Collegamenti esterni

  • Scheda su 0000272 dell'Internet Movie Database
  • Atiredelle
Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 27.03.2014 22:00:32

Questo articolo si basa sull'articolo Fanny Ardant dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.