Alan Price

Alan Price

nato il 19.4.1942 a County Durham, England, Gran Bretagna

Links alanprice.absoluteelsewhere.net (Inglese, Tedesco)

Alan Price

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Alan Price (Fatfield, 19 aprile 1942) è un musicista inglese.

È conosciuto per aver militato nel gruppo The Animals e per aver partecipato ad alcuni film diretti da Lindsay Anderson, tra cui O Lucky Man!, per cui vinse nel 1974 il premio BAFTA alla migliore colonna sonora e candidato per il Golden Globe.

Carriera

Alan Price fonda il gruppo The Animals nel 1962 ottenendo notevole successo con brani come The House of the Rising Sun, I'm Crying, It's My Life, Don't Let Me Be Misunderstood e We've Gotta Get Out of This Place. Nel 1965 Price abbandona il gruppo per formare The Alan Price Set con Clive Burrows, Steve Gregory, John Walters, Peter Kirtley, Rod "Boots" Slade e "Little" Roy Mills. Nello stesso anno, fa una breve apparizione nel film documentario Dont Look Back, girato con Bob Dylan in tour nel Regno Unito.

Nel 1966 riscuotono successo i singoli I Put a Spell on You e Hi-Lili-Hi-Lo; nel 1967, il brano di Randy Newman Simon Smith and His Amazing Dancing Bear e una composizione originale, The House That Jack Built; nel 1968 Don't Stop The Carnival. Nel 1967 esce il suo secondo album, A Price On His Head, contenente sette canzoni di Randy Newman, all'epoca sconosciuto.

Nel 1971 viene pubblicato il singolo Rosetta, con Georgie Fame, a cui segue l'album Fame e Price, Price and Fame Together. Nel 1974 registra l'album autobiografico Between Today and Yesterday da cui è tratto il singolo Jarrow Song.

Nel luglio 1983 partecipa all'ultimo tour mondiale degli Animals, in cui canta da solista il brano O Lucky Man. Nel 1984 il gruppo si scioglie definitivamente, pubblicando Rip It To Shreds — Greatest Hits Live, una registrazione del loro concerto al Wembley Stadium di Londra.

Price registra due album con gli Electric Blues Company con il chitarrista e vocalist Bobby Tench e il tastierista Zoot Monkey, Covers (1994) e A Gigster's Life for Me (1996).

Price canta con le band The Manfreds, The Searchers e The Hollies.

Discografia

  • 1966 - The Price to Play (Decca)
  • 1967 - A Price on His Head (Decca)
  • 1968 - This Price is Right (Parrot)
  • 1971 - Fame and Price, Price and Fame: Together! (CBS)
  • 1973 - O Lucky Man! (Warner Bros.)
  • 1974 - Savaloy Dip (Reprise)
  • 1974 - Between Today and Yesterday (Warner Bros.)
  • 1975 - Metropolitan Man (Polydor Records)
  • 1975 - Performing Price Live (Polydor Records)
  • 1976 - Shouts Across the Street (Polydor Records)
  • 1977 - Alan Price (Polydor Records)
  • 1977 - Rainbow's End (Jet)
  • 1978 - England My England (Jet)
  • 1979 - Lucky Day (Jet)
  • 1980 - Rising Sun (Jet)
  • 1982 - Andy Capp (Key Records)
  • 1983 - Geordie Roots & Branches (MWM Productions)
  • 1996 - A Gigster's Life for Me (Indigo/Sanctuary Blues Masters)
  • 2001 - A Rock 'N' Roll Night at the Royal Court... (Edsel)
  • 2001 - Willow Weep for Me (Magic)
  • 2002 - Based on a True Story (Apaloosa)
  • 2002 - Geordie Boy: The Anthology (Castle Music Ltd.)

Filmografia

  • Dont Look Back, regia di D. A. Pennebaker (1967)
  • O Lucky Man!, regia di Lindsay Anderson (1973)
  • Alfie Darling, regia di Lindsay Anderson (1975)
  • Britannia Hospital, regia di Lindsay Anderson (1982)

Bibliografia

  • David Roberts, British Hit Singles and Albums (Guinness 19th Edition), Londra, Guinness World Records Limited, 2006. ISBN 978-1904994107.
  • Eric Burdon, I Used to Be an Animal, but I'm All Right Now, Faber and Faber, 1986. ISBN 978-0-571-13492-2.
  • Eric Burdon, Don't Let Me Be Misunderstood: A Memoir, Thunder's Mouth Press, 2001. ISBN 1-560-25330-4.

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF: (EN1002-28830 · LCCN: (ENn84162347 · ISNI: (EN0000 0001 1691 7305 · GND: (DE134488628 · BNF: (FRcb138986681 (data)
Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 21.08.2017 15:11:47

Questo articolo si basa sull'articolo Alan Price dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.