Gene Kelly

Gene Kelly

nato il 23.8.1912 a Pittsburgh, PA, Stati Uniti d'America

morto il 2.2.1996 a Los Angeles, CA, Stati Uniti d'America

Links www.imdb.com (Inglese)

Gene Kelly

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Gene Kelly nel 1943

Gene Kelly (Pittsburgh, 23 agosto 1912  Beverly Hills, 2 febbraio 1996) è stato un ballerino, attore, cantante e , regista, produttore cinematografico e coreografo statunitense.

Interprete di personaggi scanzonati e affabili, e ballerino e coreografo dal talento fortemente innovativo, Kelly portò uno stile di danza energico e atletico in alcuni tra i maggiori musical statunitensi, come Un americano a Parigi (1951) e Cantando sotto la pioggia (1952).

Biografia

Gene era figlio di James Kelly, un commerciante di grammofoni, e di Harriet Curran, entrambi nati da immigrati irlandesi. Terzo di cinque fratelli - Jay, Jim, Gene, Louise e Fred - il piccolo Gene venne incoraggiato dalla madre a intraprendere gli studi di danza fin da bambino, assieme al fratello minore Fred, con il quale lavorerà in duo con il nome di "The Kelly Brothers" in spettacoli amatoriali. Nel 1932 inaugurò la "Gene Kelly Studio of the Dance", una scuola di danza con sede sia a Pittsburgh che a Johnstown, in cui insegnerà assieme ai fratelli Fred e Louise. Si diplomò alla Peabody High School e frequentò l'Università di Pittsburgh, dove entrò nella confraternita Phi Kappa Theta e conseguì nel 1933 la laurea in Economia.

Agli inizi della sua carriera a Broadway, apparve nello spettacolo Leave It To Me di Cole Porter, in qualità di ballerino di supporto della cantante Mary Martin, durante l'esecuzione del numero "My Heart Belongs to Daddy". Nel 1940 ottenne il ruolo principale nella pièce Pal Joey di Richard Rodgers e Lorenz Hart, che gli fece guadagnare fama a livello nazionale. In questo periodo lavorò inoltre come coreografo in diversi spettacoli, inclusa la produzione di Best Foot Forward (1941).

Il cinema

Kelly debuttò sul grande schermo nel film For Me and My Gal (1942), accanto a Judy Garland, affermandosi definitivamente due anni più tardi in Fascino (1944), al fianco di Rita Hayworth. Il film ebbe molto successo e fu il primo per il quale Kelly lavorò a buona parte delle coreografie. Nel 1946 ricevette una nomination agli Oscar come miglior attore per il film Due marinai e una ragazza (Canta che ti passa) (1945), accanto a Frank Sinatra, con cui girerà successivamente Facciamo il tifo insieme (1949) e Un giorno a New York (1949).

Nella prima metà degli anni cinquanta, Kelly toccò l'apice della carriera quale protagonista di due indimenticabili classici di Hollywood, Un americano a Parigi (1951) e Cantando sotto la pioggia (1952), quest'ultimo co-diretto con Stanley Donen, con il quale aveva già collaborato alla regia di Un giorno a New York. Dagli anni sessanta si dedicò a vari progetti, fra i quali la regia e alcune produzioni televisive.

Le scene più memorabili dei suoi film includono:

  • La danza con un gruppo di bambini francesi cantando "I Got Rhythm", in Un americano a Parigi.
  • L'incalzante balletto finale di Un americano a Parigi, in particolare la parte in cui impersona il ballerino di un quadro di Toulouse Lautrec.
  • La scena del "Broadway Melody" in Cantando sotto la pioggia.
  • La danza sotto la pioggia in una famosissima e imitatissima scena di Cantando sotto la pioggia; una scena filmata in due giorni mentre era ammalato con 39.4 °C di febbre.
  • La danza con un'asse scricchiolante e un giornale in L'allegra fattoria.
  • La danza coi pattini in È sempre bel tempo.
  • La danza assieme al topo Jerry di Tom & Jerry in Due marinai e una ragazza.
  • La danza con il proprio riflesso in Fascino.

È stato il primo artista statunitense a coreografare e mettere in scena un balletto all'Opéra di Parigi.

Nel 1951 Kelly venne insignito di un Oscar onorario in apprezzamento della sua versatilità come attore, cantante, regista e ballerino, e in particolare per i suoi spettacolari successi nell'arte della coreografia cinematografica. Il premio gli venne nuovamente consegnato durante la cerimonia degli Academy Awards del 1984, dopo che la statuetta andò perduta in un incendio che aveva distrutto la residenza dell'attore l'anno precedente.

Nel 1956 vinse un Orso d'Oro al Festival di Berlino per il film Trittico d'amore, mentre nel 1960 gli venne conferita la Légion d'honneur dal governo francese. Ottenne anche un premio alla carriera dall'American Film Institute nel 1985 e, nel 1994, fu insignito della National Medal of Arts dal Presidente Bill Clinton, ma all'epoca le sue cattive condizioni di salute non gli consentirono di ritirare di persona l'onorificenza.

Dopo essere stato colpito da due ictus, Kelly morì il 2 febbraio 1996, a Beverly Hills, California, all'età di 83 anni.

Kelly si sposò tre volte:

  • nel 1940 con l'attrice Betsy Blair, da cui ebbe la figlia Kerry e da cui divorziò nel 1957
  • nel 1960 con la coreografa Jeanne Coyne, che morì nel 1973. Dal matrimonio nacquero Bridget e Timothy
  • dal 1990 fino alla morte con Patricia Ward

Filmografia

Attore

  • For Me and My Gal, regia di Busby Berkeley (1942)
  • Mademoiselle du Barry (Du Barry Was a Lady), regia di Roy Del Ruth (1943)
  • Pilot #5, regia di George Sidney (1943)
  • La parata delle stelle (Thousands Cheer), regia di George Sidney (1943)
  • La croce di Lorena (The Cross of Lorraine), regia di Tay Garnett (1943)
  • Fascino (Cover Girl), regia di Charles Vidor (1944)
  • Vacanze di Natale (Christmas Holiday), regia di Robert Siodmak (1944)
  • Due marinai e una ragazza (Canta che ti passa) (Anchors Aweigh), regia di George Sidney (1945)
  • Ziegfeld Follies, regia di Lemuel Ayers, Roy Del Ruth (1945)
  • Living in a Big Way, regia di Gregory La Cava (1947)
  • Il pirata (The Pirate), regia di Vincente Minnelli (1948)
  • I tre moschettieri (The Three Musketeers), regia di George Sidney (1948)
  • Facciamo il tifo insieme (Take Me Out to the Ball Game), regia di Busby Berkeley (1949)
  • Un giorno a New York (On the Town), regia di Gene Kelly e Stanley Donen (1949)
  • La legge del silenzio (Black Hand), regia di Richard Thorpe (1949)
  • L'allegra fattoria (Summer Stock), regia di Charles Walters (1950)
  • Un americano a Parigi (An American in Paris), regia di Vincente Minnelli (1951)
  • It's a Big Country, regia di Clarence Brown e Don Hartman (1951)
  • Cantando sotto la pioggia (Singin' in the Rain), regia di Gene Kelly e Stanley Donen (1952)
  • I lupi mannari (The Devil Makes Three), regia di Andrew Marton (1952)
  • Il siluro della morte (Seagulls Over Sorrento), regia di John Boulting e Roy Boulting (1954)
  • Brigadoon, regia di Vincente Minnelli (1954)
  • Così parla il cuore (Deep in My Heart), regia di Stanley Donen (1954)
  • È sempre bel tempo (It's Always Fair Weather), regia di Gene Kelly e Stanley Donen (1955)
  • The Magic Lamp (1956) (cortometraggio, solo voce)
  • Trittico d'amore (Invitation to the Dance), regia di Gene Kelly (1956)
  • Destinazione Parigi (The Happy Road), regia di Gene Kelly (1957)
  • Les Girls, regia di George Cukor (1957)
  • Vertigine (Marjorie Morningstar), regia di Irving Rapper (1958)
  • ...e l'uomo creò Satana (Inherit the Wind), regia di Stanley Kramer (1960)
  • Facciamo l'amore (Let's Make Love), regia di George Cukor (1960)
  • Going My Way serie TV, 30 episodi (1962-1963)
  • La signora e i suoi mariti (What a Way to Go!), regia di J. Lee Thompson (1964)
  • Josephine (Les demoiselles de Rochefort), regia di Jacques Demy (1966)
  • La signora a 40 carati (40 Carats), regia di Milton Katselas (1973)
  • C'era una volta Hollywood (That's Entertainment!), regia di Jack Haley Jr. (1974)
  • Hollywood... Hollywood (That's Entertainment, Part II), regia di Gene Kelly (1976)
  • Le strabilianti avventure di Superasso (Viva Knievel), regia di Gordon Douglas (1977)
  • Xanadu, regia di Robert Greenwald (1980)
  • That's Entertainment III, regia di Bud Friedgen (1994)

Regista

  • Un giorno a New York (On the Town) (1949), con Stanley Donen)
  • Cantando sotto la pioggia (Singin' in the Rain) (1952), con Stanley Donen)
  • È sempre bel tempo (It's Always Fair Weather) (1955), con Stanley Donen)
  • Trittico d'amore (Invitation to the Dance) (1956)
  • Destinazione Parigi (The Happy Road) (1957)
  • Il tunnel dell'amore (The Tunnel of Love) (1958)
  • Gigò (Gigot) (1962)
  • Una guida per l'uomo sposato (A Guide for the Married Man) (1967)
  • Hello, Dolly! (1969)
  • Non stuzzicate i cowboys che dormono (The Cheyenne Social Club) 1970)
  • Hollywood... Hollywood (That's Entertainment, Part II) (1976)

Coreografo

  • I tre moschettieri (The Three Musketeers) (1948)
  • Un americano a Parigi (An American in Paris) (1951)
  • Cantando sotto la pioggia (Singin' in the Rain) (1952)
  • Brigadoon (1954)
  • È sempre bel tempo (It's Always Fair Weather) (1955)
  • Trittico d'amore (Invitation to the Dance) (1956)

Doppiatori italiani

  • Adolfo Geri in: Cantando sotto la pioggia, I tre moschettieri, Un americano a Parigi, Un giorno a New York, Due marinai e una ragazza (ridoppiato), Facciamo il tifo insieme, Mademoiselle Du Barry, Lallegra fattoria (ridoppiato), Destinazione Parigi, Les Girls
  • Giuseppe Rinaldi in: La legge del silenzio/La mano nera, I lupi mannari, Il siluro della morte, È sempre bel tempo, La croce di Lorena, ...e l'uomo creò Satana, Vertigine, Hollywood... Hollywood
  • Stefano Sibaldi in: Brigadoon
  • Pino Locchi in: Parole e musica
  • Gualtiero De Angelis in: Facciamo l'amore
  • Nando Gazzolo in: La signora e i suoi mariti
  • Cesare Barbetti in: Il pirata (doppiaggio tardivo 1980)
  • Sergio Di Giulio in: Due marinai e una ragazza (ridoppiaggio TV 1982)

Citazioni

  • L'attore viene citato nel testo del brano Take Away My Pain del gruppo statunitense Dream Theater.
  • L'attore viene citato nel testo del brano "Vogue" di Madonna_(cantante)
  • Nel 1994 il pattinatore canadese Kurt Browning ha riproposto su ghiaccio il balletto di Singing in the Rain all'interno dello special televisivo You Must Remember This. Browning ha successivamente proposto per la prima volta il numero in una competizione nel 2012 al Medal Winners Open, una gara riservata agli atleti già vincitori di una medaglia in una delle competizioni più importanti, classificandosi secondo.
  • Nel 2003 l'attore orientale Jackie Chan omaggia la famosissima scena di Cantando sotto la pioggia nel film Shanghai Knights coreografando un elegante combattimento con gli ombrelli, con in sottofondo le note di Singing in the Rain.
  • Nel film Un americano a Roma, il personaggio di Nando Mericoni, interpretato da Alberto Sordi, afferma più volte di aspirare ad essere come il ballerino statunitense.

Altri progetti

Collegamenti esterni

Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 25.04.2014 11:24:10

Questo articolo si basa sull'articolo Gene Kelly dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.