Paul Creston

nato il 10.10.1906 a New York City, NY, Stati Uniti d'America

morto il 24.8.1985 a San Diego, CA, Stati Uniti d'America

Paul Creston

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Paul Creston (New York, 10 ottobre 1906  San Diego, 24 agosto 1985) è stato un compositore e pianista statunitense.

La vita

Nasce da genitori siciliani, e proprio a questa esposizione alla musica folkloristica siciliana e alle danze è dovuto il suo "risveglio musicale". Comincia così a prendere lezioni di musica, sorpassando in breve tempo il suo maestro e trovando un proprio stile. Ma proprio quando le cose andavano per il meglio fu obbligato ad abbandonare la scuola e le lezioni di musica per aiutare economicamente la famiglia. Così come tanti altri figli di immigrati, anche Giuseppe "americanizzò" il suo nome e scelse come nuova identità quella di Paul Creston. Lavorò come banchiere e nelle assicurazioni senza mai abbandonare del tutto la composizione ed il pianoforte, rimanendo sveglio la notte per esercitarsi. Questo desiderio di auto-miglioramento lo portò a realizzarsi come musicista. Di grande stimolo fu l'incontro con Henry Cowell. Da teorico, fece ricerche scrupolose sulla storia della musica e sull'acustica. Il suo credo estetico assegnava alla musica un modo pianificatore e spirituale e la sua principale regola compositiva sarà l'integrazione degli elementi musicali verso un complesso unificato. Tra le sue opere più eseguite ci sono quelle per sassofono: la Sonata op.19 del 1939 per sassofono contralto e pianoforte, il Concerto per sassofono contralto e orchestra di fiati del 1941, la Suite op.6 per sassofono contralto e pianoforte.

Nel 2008 Marco Ciccone ha realizzato una versione per sassofono e orchestra della Sonata op.19.

L'opera

Musica per orchestra

  • Chant of 1942 (1943)
  • Choreographic Suite, op. 86b (1965)
  • Chthonic Ode (1966)
  • Corinthians XIII, (Tone Poem), op.82 (1963)
  • Dance Overture (1954)
  • Evening in Texas
  • Frontiers (1943)
  • Janus, op. 77 (1959)
  • Introit, (Hommage à Pierre Monteux) (1965)
  • Invocation and Dance (1953)
  • Kangaroo Kaper
  • Pastorale and Tarantella (1941)
  • Pavanne Variations (1966)
  • Prelude and Dance (1941)
  • A Rumor (1941)
  • Airborne Suite (1966)
  1. Evening in Texas
  2. Sunrise in Puerto Rico
  3. High Noon Montreal
  4. Midnight Mexico
  • Symphony No. 1 (1940)
  • Symphony No. 2 (1944)
  • Symphony No. 3
  • Symphony No. 4 (1951)
  • Threnody (1938)
  • Toccata (1957)
  • Two Choric Dances, op.17 b (1938)

Musica per solisti ed orchestra

  • Concertino for Marimba (1940)
  • Concertino for Marimba and Band, op.21 b
  • Concerto for Piano and Orchestra
  • Concerto for Saxophone and Band, op.26 b
  • Concerto for Saxophone and Orchestra (1941)
  • Homage for viola (or cello) and string orchestra, Op. 41 (1947)
  • Concerto for Accordion (fisarmonica) and Orchestra, op.75 (1960)
  • Fantasy for accordion and orchestra, Op. 85 (1964)
  • Dance Variations (1941)
  • Fantasy (1942)
  • Fantasy (1947)
  • Poem (1945)
  • Sadhana (1981)
  • Symphony No. 6 Organ Symphony (1982)

Musica per ensemble d'ottoni/Banda

  • Kalevala, Fantasy on Finnish Folk Songs for Band
  • Liberty Song 76
  • Zanoni, for Symphonic Band (1946)

Musica per strumento solo

  • Five little dances per pianoforte
  • Olympia per arpa
  • Prelude and Dance per fisarmonica op.69 (1957)
  • Embryo Suite per fisarmonica op.96 (1968)
  • Fantasy for accordion op. 85 (1964)

Musica corale

  • Here is Thy Footstool
  • Prodigal
  • Calamus
  • Missa Solemnis
  • Psalm XIII
  • The bird of the wilderness
  • Dance variations

Composizioni per ensemble

  • Ceremonial (1973)
  • Nocturne Soprano o Tenore e 11 strumenti

Altre composizioni

  • Fantasia (1942) per 2 pianoforti
  • Suite per violino e pianoforte
  • Suite per violoncello e pianoforte
  • String quartet
  • Suite per quartetto di sassofoni
  • Meditation per marimba e pianoforte
  • Fantasy per trombone e pianoforte
  • Leaves of Grass
  • Thou Hast Made Me Endless
  • Two Motets
  • Where the Mind is Without Fear
  • Rumba-Tarantella for piano 4-hands (1964)
Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 13.08.2013 15:58:26

Questo articolo si basa sull'articolo Paul Creston dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.