Philippe Sarde

nato il 21.6.1945 a Neuilly-sur-Seine, Hauts-de-Seine, Francia

Links www.imdb.com (Inglese)

Philippe Sarde

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Philippe Sarde (Neuilly-sur-Seine, 21 giugno 1948[1]) è un compositore francese di colonne sonore cinematografiche.

È stato collaboratore abituale di registi quali Claude Sautet (grazie al quale ha esordito, nel 1970, con L'amante, e per il quale ha curato la colonna sonora di ogni suo successivo film), Bertrand Tavernier, André Téchiné e Jacques Doillon.

È stato candidato all'Oscar alla migliore colonna sonora per Tess (1979) ed ha vinto il Premio César per la migliore musica da film nel 1977 per Barocco e Il giudice e l'assassino.

È fratello del produttore cinematografico Alain Sarde.

Riconoscimenti

  • Oscar alla migliore colonna sonora
    • 1981: candidato - Tess
  • Premio César per la migliore musica da film
    • 1977: vincitore - Barocco e Il giudice e l'assassino
    • 1978: candidato - L'uomo del fiume (Le crabe tambour)
    • 1979: candidato - Una donna semplice
    • 1980: candidato - Tess
    • 1982: candidato - La guerra del fuoco (La guerre du feu)
    • 1988: candidato - Les Innocents
    • 1995: candidato - Eloise, la figlia di D'Artagnan (La Fille de D'Artagnan)
    • 1996: candidato - Nelly e Mr. Arnaud (Nelly et Monsieur Arnaud)
    • 1998: candidato - Il cavaliere di Lagardère (Le Bossu)
    • 2011: candidato - La princesse de Montpensier

Filmografia

  • L'amante (Les Choses de la vie), regia di Claude Sautet (1970)
  • Sortie de secours, regia di Roger Kahane (1970)
  • La liberté en croupe, regia di Édouard Molinaro (1970)
  • Il commissario Pelissier (Max et les Ferrailleurs), regia di Claude Sautet (1971)
  • Le chat - L'implacabile uomo di Saint Germain (Le chat), regia di Pierre Granier-Deferre (1971)
  • L'evaso (La Veuve Couderc), regia di Pierre Granier-Deferre (1971)
  • La cagna, regia di Marco Ferreri (1972)
  • Un corpo da possedere (Hellé), regia di Roger Vadim (1972)
  • Il diritto d'amare (Le droit d'aimer), regia di Eric Le Hung (1972)
  • È simpatico, ma gli romperei il muso (César et Rosalie), regia di Claude Sautet (1972)
  • La grande abbuffata (La Grande Bouffe), regia di Marco Ferreri (1973)
  • Un battito d'ali dopo la strage (Le fils), regia di Pierre Granier-Deferre (1973)
  • Il pappone infuriato (Les corps célestes), regia di Gilles Carle (1973)
  • Hai mai provato... in una valigia? (La valise), regia di Georges Lautner (1973)
  • Due contro la città (Deux hommes dans la ville), regia di José Giovanni (1973)
  • Noi due senza domani (Le train), regia di Pierre Granier-Deferre (1973)
  • Charlie et ses deux nénettes, regia di Joël Séria (1973)
  • L'orologiaio di Saint-Paul (L'horloger de Saint-Paul), regia di Bertrand Tavernier (1974)
  • Non toccare la donna bianca, regia di Marco Ferreri (1974)
  • La dolcissima Dorothea (Dorothea's Rache), regia di Peter Fleischmann (1974)
  • L'arrivista (La race des seigneurs), regia di Pierre Granier-Deferre (1974)
  • Esecutore oltre la legge (Les seins de glace), regia di Georges Lautner (1974)
  • Lancillotto e Ginevra (Lancelot du Lac), regia di Robert Bresson (1974)
  • Tre amici, le mogli e (affettuosamente) le altre (Vincent, François, Paul... et les autres), regia di Claude Sautet (1974)
  • Un divorce heureux, regia di Henning Carlsen (1975)
  • La trappola (La cage), regia di Pierre Granier-Deferre (1975)
  • Pas de problème!, regia di Georges Lautner (1975)
  • Folli e liberi amplessi (Les galettes de Pont-Aven), regia di Joël Séria (1975)
  • Una donna da uccidere (Folle à tuer), regia di Yves Boisset (1975)
  • Souvenirs d'en France, regia di André Téchiné (1975)
  • I baroni della medicina (Sept morts sur ordonnance), regia di Jacques Rouffio (1975)
  • Un sacchetto di biglie (Un sac de billes), regia di Jacques Doillon (1975)
  • Dai sbirro (Adieu poulet), regia di Pierre Granier-Deferre (1975)
  • Il giudice e l'assassino (Le juge et l'assassin), regia di Bertrand Tavernier (1976)
  • L'ultima donna, regia di Marco Ferreri (1976)
  • L'inquilino del terzo piano (Le Locataire), regia di Roman Polański (1976)
  • Infedelmente tua (On aura tout vu), regia di Georges Lautner (1976)
  • Marie-poupée, regia di Joël Séria (1976)
  • Mado, regia di Claude Sautet (1976)
  • Barocco, regia di André Téchiné (1976)
  • Il giudice d'assalto (Le juge Fayard dit Le Shériff), regia di Yves Boisset (1977)
  • Vivere giovane (Violette & François), regia di Jacques Rouffio (1977)
  • Un taxi color malva (Un taxi mauve), regia di Yves Boisset (1977)
  • Il diavolo probabilmente (Le diable probablement...), regia di Robert Bresson (1977)
  • Comme la lune, regia di Joël Séria (1977)
  • I miei vicini sono simpatici (Des enfants gâtés), regia di Bertrand Tavernier (1977)
  • La vita davanti a sé (La vie devant soi), regia di Moshé Mizrahi (1977)
  • L'uomo del fiume (Le crabe tambour), regia di Pierre Schoendoerffer (1977)
  • Morte di una carogna (Mort d'un pourri), regia di Georges Lautner (1977)
  • Ciao maschio, regia di Marco Ferreri (1978)
  • Folli stregoni (Ils sont fous ces sorciers), regia di Georges Lautner (1978)
  • Zucchero (Le sucre), regia di Jacques Rouffio (1978)
  • Una donna semplice (Une histoire simple), regia di Claude Sautet (1978)
  • La clé sur la porte, regia di Yves Boisset (1978)
  • L'adolescente, regia di Jeanne Moreau (1979)
  • Poliziotto o canaglia (Flic on voyou), regia di Georges Lautner (1979)
  • Les Sœurs Brontë, regia di André Téchiné (1979)
  • Chiedo asilo, regia di Marco Ferreri (1979)
  • Tess, regia di Roman Polański (1979)
  • Histoire d'amour (Le toubib), regia di Pierre Granier-Deferre (1979)
  • Buffet freddo (Buffet froid), regia di Bertrand Blier (1979)
  • La femme flic, regia di Yves Boisset (1980)
  • Il piccione di piazza S. Marco (Le guignolo), regia di Georges Lautner (1980)
  • Mia cara sconosciuta (Chère inconnue), regia di Moshé Mizrahi (1980)
  • Loulou, regia di Maurice Pialat (1980)
  • Una brutta storia (Un mauvais fils), regia di Claude Sautet (1980)
  • Allons z'enfants, regia di Yves Boisset (1981)
  • Est-ce bien raisonnable?, regia di Georges Lautner (1981)
  • Storia di donne (Les ailes de la colombe), regia di Benoît Jacquot (1981)
  • Codice d'onore (Le choix des armes), regia di Alain Corneau (1981)
  • Uccidete Birgit Haas (Il faut tuer Birgitt Haas), regia di Laurent Heynemann (1981)
  • Storie di ordinaria follia, regia di Marco Ferreri (1981)
  • Ormai sono una donna (Beau-pere), regia di Bertrand Blier (1981)
  • Colpo di spugna (Coup de torchon), regia di Bertrand Tavernier (1981)
  • Hôtel des Amériques, regia di André Téchiné (1981)
  • Storie di fantasmi (Ghost Story), regia di John Irvin (1981)
  • La guerra del fuoco (La guerre du feu), regia di Jean-Jacques Annaud (1981)
  • Une étrange affaire, regia di Pierre Granier-Deferre (1981)
  • Mille miliardi di dollari (Mille milliards de dollars), regia di Henri Verneuil (1982)
  • L'étoile du Nord, regia di Pierre Granier-Deferre (1982)
  • Il bersaglio (Le choc), regia di Robin Davis (1982)
  • Que les gros salaires lèvent le doigt!, regia di Denys Granier-Deferre (1982)
  • L'honneur d'un capitaine, regia di Pierre Schoendoerffer (1982)
  • Storia di Piera, regia di Marco Ferreri (1983)
  • J'ai épousé une ombre, regia di Robin Davis (1983)
  • Un incurabile romantico (Lovesick), regia di Marshall Brickman (1983)
  • Une jeunesse, regia di Moshé Mizrahi (1983)
  • Stella, regia di Laurent Heynemann (1983)
  • Attention une femme peut en cacher une autre!, regia di Georges Lautner (1983)
  • L'amico di Vincent (L'ami de Vincent), regia di Pierre Granier-Deferre (1983)
  • Garçon!, regia di Claude Sautet (1983)
  • Premiers Désirs, regia di David Hamilton (1984)
  • Fort Saganne, regia di Alain Corneau (1984)
  • La Pirate, regia di Jacques Doillon (1984)
  • La garce, regia di Christine Pascal (1984)
  • Joyeuses Pâques, regia di Georges Lautner (1984)
  • Le dernier civil, regia di Laurent Heynemann (1984) (TV)
  • Ça n'arrive qu'à moi, regia di Francis Perrin (1985)
  • L'estate prossima (L'été prochain), regia di Nadine Trintignant (1985)
  • Signé Charlotte, regia di Caroline Huppert (1985)
  • Le cowboy, regia di Georges Lautner (1985)
  • Hors-la-loi, regia di Robin Davis (1985)
  • Rendez-vous, regia di André Téchiné (1985)
  • Joshua Then and Now, regia di Ted Kotcheff (1985)
  • La Tentation d'Isabelle, regia di Jacques Doillon (1985)
  • L'homme aux yeux d'argent, regia di Pierre Granier-Deferre (1985)
  • Harem, regia di Arthur Joffé (1985)
  • Mon beau-frère a tué ma soeur, regia di Jacques Rouffio (1986)
  • Pirati (Pirates), regia di Roman Polański (1986)
  • Le lieu du crime, regia di André Téchiné (1986)
  • Gioco mortale - Manhattan Project (The Manhattan Project), regia di Marshall Brickman (1986)
  • Non guardarmi (Cours privé), regia di Pierre Granier-Deferre (1986)
  • Com'è difficile amare (Every Time We Say Goodbye), regia di Moshé Mizrahi (1986)
  • L'état de grâce, regia di Jacques Rouffio (1986)
  • La puritana (La puritaine), regia di Jacques Doillon (1986)
  • Les mois d'avril sont meurtriers, regia di Laurent Heynemann (1987)
  • Funny Boy, regia di Christian Le Hémonet (1987)
  • Poker, regia di Catherine Corsini (1987)
  • Comédie!, regia di Jacques Doillon (1987)
  • Les 2 crocodiles, regia di Joël Séria (1987)
  • Ennemis intimes, regia di Denis Amar (1987)
  • De guerre lasse, regia di Robert Enrico (1987)
  • Les Innocents, regia di André Téchiné (1987)
  • Mangeclous, regia di Moshé Mizrahi (1988)
  • Ombre sui muri (La maison assassinée), regia di Georges Lautner (1988)
  • L'estate impura (Noyade interdite), regia di Pierre Granier-Deferre (1988)
  • Qualche giorno con me (Quelques jours avec moi), regia di Claude Sautet (1988)
  • L'orso (L'ours), regia di Jean-Jacques Annaud (1988)
  • La casa di giada (La maison de jade), regia di Nadine Trintignant (1988)
  • La couleur du vent, regia di Pierre Granier-Deferre (1988)
  • Il diavolo in corpo (Devil in the Flesh), regia di Scott Murray (1989)
  • Lost Angels, regia di Hugh Hudson (1989)
  • L'amico ritrovato (Reunion), regia di Jerry Schatzberg (1989)
  • L'invité surprise, regia di Georges Lautner (1989)
  • Hiver 54, l'abbé Pierre, regia di Denis Amar (1989)
  • Chambre à part, regia di Jacky Cukier (1989)
  • Music Box - Prova d'accusa (Music Box), regia di Costa-Gavras (1989)
  • La Baule-les-Pins, regia di Diane Kurys (1990)
  • La fille des collines, regia di Robin Davis (1990)
  • Il signore delle mosche (Lord of the Flies), regia di Harry Hook (1990)
  • Faux et usage de faux, regia di Laurent Heynemann (1990)
  • Le Petit Criminel, regia di Jacques Doillon (1990)
  • Les carnassiers, regia di Yves Boisset (1991) (TV)
  • Priorità assoluta (Eve of Destruction), regia di Duncan Gibbins (1991)
  • La tribu, regia di Yves Boisset (1991)
  • Pour Sacha, regia di Alexandre Arcady (1991)
  • Jalousie, regia di Kathleen Fonmarty (1991)
  • La vieille qui marchait dans la mer, regia di Laurent Heynemann (1991)
  • L'Amérique en otage, regia di Kevin Connor (1991) (TV)
  • Niente baci sulla bocca (J'embrasse pas), regia di André Téchiné (1991)
  • La voix, regia di Pierre Granier-Deferre (1992)
  • Room Service, regia di Georges Lautner (1992)
  • Legge 627 (L.627), regia di Bertrand Tavernier (1992)
  • Max & Jeremie devono morire (Max & Jeremie), regia di Claire Devers (1992)
  • La piccola apocalisse (La petite apocalypse), regia di Costa-Gavras (1992)
  • Le jeune Werther, regia di Jacques Doillon (1993)
  • Ma saison préférée, regia di André Téchiné (1993)
  • Poisson-lune, regia di Bertrand Van Effenterre (1993)
  • Taxi de nuit, regia di Serge Leroy (1993)
  • Eloise, la figlia di D'Artagnan (La Fille de D'Artagnan), regia di Bertrand Tavernier (1994)
  • Le fils préféré - Ospiti pericolosi (Le fils préféré), regia di Nicole Garcia (1994)
  • La tavola fiamminga (Uncovered), regia di Jim McBride (1995)
  • Ospiti pericolosi (Le petit garçon), regia di Pierre Granier-Deferre (1995)
  • Dimmi di sì (Dis-moi oui...), regia di Alexandre Arcady (1995)
  • Nelly e Mr. Arnaud (Nelly et Monsieur Arnaud), regia di Claude Sautet (1995)
  • Les Voleurs, regia di André Téchiné (1996)
  • Ponette, regia di Jacques Doillon (1996)
  • L'insoumise, regia di Nadine Trintignant (1996) (TV)
  • Lucie Aubrac, regia di Claude Berri (1997)
  • K, regia di Alexandre Arcady (1997)
  • Un frère..., regia di Sylvie Verheyde (1997)
  • Il cavaliere di Lagardère (Le Bossu), regia di Philippe de Broca (1997)
  • Il rosso e il nero (Le rouge et le noir), regia di Jean-Daniel Verhaeghe (1997) (TV)
  • Alice e Martin (Alice et Martin), regia di André Téchiné (1998)
  • Je suis vivante et je vous aime, regia di Roger Kahane (1998)
  • Victoire, ou la douleur des femmes, regia di Nadine Trintignant (2000) (TV)
  • Là-bas... mon pays, regia di Alexandre Arcady (2000)
  • Princesses, regia di Sylvie Verheyde (2000)
  • Mademoiselle, regia di Philippe Lioret (2001)
  • Sister Mary Explains It All, regia di Marshall Brickman (2001) (TV)
  • Entre chiens et loups, regia di Alexandre Arcady (2002)
  • Le Mystère de la chambre jaune, regia di Bruno Podalydès (2003)
  • Anime erranti (Les Égarés), regia di André Téchiné (2003)
  • Raja, regia di Jacques Doillon (2003)
  • Colette, une femme libre, regia di Nadine Trintignant (2004) (TV)
  • Tutto il bene del mondo (Un mundo menos peor), regia di Alejandro Agresti (2004)
  • Les soeurs fâchées, regia di Alexandra Leclère (2004)
  • Le parfum de la dame en noir, regia di Bruno Podalydès (2005)
  • Le grand Meaulnes, regia di Jean-Daniel Verhaeghe (2006)
  • Je m'appelle Elisabeth, regia di Jean-Pierre Améris (2006)
  • I testimoni (Les témoins), regia di André Téchiné (2007)
  • Marco Ferreri, il regista che venne dal futuro, regia di Mario Canale (2007)
  • La fille du RER, regia di André Téchiné (2009)
  • Streamfield, les carnets noirs, regia di Jean-Luc Miesch (2010)
  • Le Mariage à trois, regia di Jacques Doillon (2010)
  • La princesse de Montpensier, regia di Bertrand Tavernier (2010)
  • Once I Was, regia di Avi Nesher (2010)
  • Rodin, regia di Jacques Doillon (2017)

Note

  1. ^ (FR) Philippe Sarde interviewé par Benoît Basirico, cinezik.org, 10 settembre 2005.
    «IMDB me donne 3 ans de plus que je n'ai réellement (je suis né en 1948, et non 1945)».

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF: (EN44486339 · LCCN: (ENn82132923 · ISNI: (EN0000 0001 2130 5530 · GND: (DE134507363 · BNF: (FRcb13899410d (data)
Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 11.05.2017 11:24:22

Questo articolo si basa sull'articolo Philippe Sarde dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.