Banca dati musicale

Musicista

Hilary Hahn

Hilary Hahn - © Michael Patrick O'Leary

nata il 27.11.1979 a Lexington, VA, Stati Uniti d'America

Links hilaryhahn.com (Inglese)

Hilary Hahn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Hilary Hahn (Lexington, 27 novembre 1979) è una violinista statunitense.

Universalmente ritenuta una virtuosa di questo strumento, ha vinto tre Premi Grammy e numerosi altri premi. Parla inglese, tedesco, francese e giapponese. Dopo aver cominciato a suonare violino a 4 anni con il metodo Suzuki[1], a dieci decide di lasciare la scuola per potersi dedicare alla musica.

Giovinezza e prime esperienze

Ha iniziato a suonare il violino un mese prima di compiere quattro anni col Programma Suzuki del Peabody Institute di Baltimora. Ha partecipato a un corso Suzuki per un anno. Tra il 1984 e il 1989 ha studiato a Baltimora con Klara Berkovich. Nel 1990, a dieci anni, è stata ammessa al Curtis Institute of Music di Filadelfia, dove è diventata allieva di Jascha Brodsky. Ha studiato con lui per sette anni imparando gli studi di Kreutzer, Ševčík, Gaviniès, Rode, e i Capricci di Paganini.[2]

Nel 1991, ha debuttato con l'Orchestra Sinfonica di Baltimora. Poco dopo, ha suonato con l'Orchestra di Filadelfia, la Cleveland Orchestra, la Pittsburgh Symphony Orchestra e la New York Philharmonic. Nel 1995 ha fatto il suo debutto internazionale in Germania con una performance del Concerto per violino di Beethoven con Lorin Maazel e la Bavarian Radio Symphony Orchestra. Il concerto è stato trasmesso in radio e televisione in Europa. Un anno dopo, Hahn ha debuttato alla Carnegie Hall di New York come solista con l'Orchestra di Filadelfia.

A sedici anni aveva già completato i requisiti richiesti dal Curtis Institute per diplomarsi, ma scelse di rimanere per seguire corsi ulteriori, fino al conseguimento di un Bachelor of Music nel 1999.[3] Durante questo periodo ha studiato violino con Jaime Laredo, e musica da camera con Felix Galimir e Gary Graffman. In un'intervista concessa alla PBS nel dicembre 2001, ha dichiarato che tra tutte le discipline musicali, quella che più le interessa è l'interpretazione.[4]

Carriera

Nel 1996, quando aveva sedici anni, la Sony Music le fece firmare un contratto in esclusiva. Alla scadenza del contratto, per un totale di cinque registrazioni in sei anni, ha deciso di non rinnovare il contratto con la Sony, firmando invece l'anno dopo per la Deutsche Grammophon.[5]

Hahn ha suonato con orchestre come la London Symphony Orchestra, la New York Philharmonic, la Stuttgart Radio Symphony Orchestra e la Singapore Symphony Orchestra. Ha debuttato con la Chicago Symphony Orchestra nel marzo 2007. Sempre nel 2007 ha suonato nella Città del Vaticano, come parte delle celebrazioni per Papa Benedetto XVI con la Stuttgart Radio Symphony Orchestra diretta da Gustavo Dudamel.

Ha iniziato ad esibirsi e tour in duo crossover con il cantautore Josh Ritter nel 2007 e con il cantautore Tom Brosseau nel 2005.[6]

Oltre ad essere una violinista solista, Hahn si è esibita anche come musicista da camera. Dall'estate del 1992 si è esibita quasi ogni anno con la Skaneateles Festival di Musica da Camera di Skaneateles, New York. Tra il 1995 e il 2000 si è esibita e ha studiato musica da camera presso il Festival di Musica Marlboro nel Vermont, e nel 1996 ha lavorato come artista e membro del programma di mentoring musica da camera di The Chamber Music Society del Lincoln Center.

In un'intervista del 1999 con Strings Magazine, Hahn ha citato le persone che più hanno influenzato il suo sviluppo come musicista, citando David Zinman, direttore della Baltimore Symphony, e suo mentore da quando aveva dieci anni, e Lorin Maazel, con cui ha lavorato in Europa suonando con la Bavarian Radio Symphony Orchestra.[2]

Hilary Hahn sente che a volte gli amanti della musica classica "la rendono difficile per le persone che la accostano per la prima volta. Penso che anche se le persone si presentano in jeans e borchie, è bello che tutto il mondo della cultura sia interessato alla musica. A volte la gente dimentica che è la musica ciò che importa, non il modo di comportarsi e di vestire. "[7]

Durante i concerti spera in un silenzio assoluto da parte del pubblico durante l'esecuzione. "Non per snobismo o sacro rispetto per la musica, ma solo perché così tutti (compresi gli esecutori) possono sentire. La grande musica può essere molto confortevole e rilassante, e si può dormire, a patto di non russare"[7]

Strumenti

Hilary Hahn suona una copia del Cannone di Paganini fabbricata dal liutaio francese Jean-Baptiste Vuillaume nel 1864[8]

Discografia

CD

  • 1997 - Hilary Hahn Plays Bach : Sonate n° 3, BWV 1005 et Partite n° 2, BWV 1004 & n° 3, BWV 1006 (Sony)
  • 1999 - Beethoven : Concerto per violino ; Bernstein : Sérénade, Baltimore Symphony Orchestra, dir. David Zinman (Sony)
  • 2000 - Barber : Concerti per violino ; Edgar Meyer : Concerto per violino[9], The Saint Paul Chamber Orchestra, dir. Hugh Wolff (Sony SK 89029)
  • 2001 - Brahms : Concerto per violino op. 77 ; Stravinski : Concerto per violino, Academy of St. Martin in the Fields, dir. Sir Neville Marriner (Sony SK 89649) - Miglior interpretazione solista di musica classica con orchestra (Grammy) 2002
  • 2002 - Mendelssohn : Concerto per violino ; Chostakovitch : Concerto per violino, Oslo Philharmonic Orchestra, dir. Marek Janowski & Hugh Wolff (Sony)
  • 2003 - Bach : Concertos per violino (BWV 1042, 1043, 1041 & 1060 (con oboe), Margaret Batjer (violino 2), Allan Vogel (oboe), Los Angeles Chamber Orchestra, diretta da Jeffrey Kahane (2002/2003, Deutsche Grammophon 474 199-2)
  • 2004 - The Village Colonna sonora di James Newton Howard
  • 2004 - Edward Elgar : Concerto per violino, Ralph Vaughan Williams : The Lark Ascending, London Symphony Orchestra, dir. Sir Colin Davis (DGG)
  • 2005 - Mozart : Son. vl. e pf. K.301, 304, 376, 526, con Natalie Zhu, piano (2004, Deutsche Grammophon)
  • 2006 - Niccolò Paganini : Concerto per violino n° 1 ; Louis Spohr : Concerto per violino n° 8 "in modo di scena cantata", Orchestra Filarmonica della radio svedese, dir. Eiji Oue (DGG)
  • 2007 - Der Kleine Hörsaal - Die Geige mit Hilary Hahn (DGG, solo per il mercato tedesco)[10]
  • 2008 - Arnold Schönberg : Concerto per violino, op. 36 ; Jean Sibelius : Concerto per violino en re minore, op. 47, Orchestra Filarmonica della radio svedese, dir. Esa-Pekka Salonen (2007, Deutsche Grammophon) - Miglior interpretazione solista di musica classica con orchestra (Grammy) 2008
  • 2008 - Begegnung mit Hilary Hahn (DGG, solo per il mercato tedesco)[11]
  • 2010 - Jennifer Higdon : Concerto per violino[12]; Pëtr Il'ič Čajkovskij : Concerto per violino in re maggiore, op. 35, Orchestra filarmonica reale di Liverpool, dir. Vasily Petrenko (DGG)
  • 2010 - Bach, Violino e voce (Arie e duetti per sop. e basso con vl.) - Hahn/Goerne/Schäfer/Liebreich, 2009 Deutsche Grammophon
  • 2011 - Charles Ives: 4 Sonate per violino e pianoforte (con Valentina Lisitsa) (2009, Deutsche Grammophon)
  • 2011 - Ciaikovsky Higdon, Conc. vl. - Hahn/Petrenko/Liverpool PO, 2009 Deutsche Grammophon
  • 2012 - Hahn Hauschka, Silfra 12 brani per violino e pianoforte preparato, 2011 Deutsche Grammophon (in duo con Hauschka)
  • 2013 - In 27 Pieces: The Hilary Hahn Encores, I bis di Hilary Hahn - Cory Smythe, piano, (Deutsche Grammophon) - Grammy Award for Best Small Ensemble Performance 2015
  • 2014 - Mozart: Violin Concerto No. 5 in A Major, K. 219 - Vieuxtemps: Violin Concerto No. 4 in D Minor, Op. 31, - Hilary Hahn/The Deutsche Kammerphilharmonie Bremen/Paavo Järvi, Deutsche Grammophon
  • 2018 - Hilary Hahn Plays Bach: Sonata No. 1 BWV 1001, Partita No. 1 BWV 1002, Sonata No. 2 BWV 1003 (Decca)

DVD

  • 2007 - Hilary Hahn - A Portrait (DGG)
  • 2007 - Birthday Concert - Pope Benedict XVI (DGG)

Apparizioni come ospite

  • 2005 - To Russia My Homeland nell'album Worlds Apart dei ...And You Will Know Us by the Trail of Dead[13]
  • 2006 - Witch's Web nell'album So Divided dei ...And You Will Know Us by the Trail of Dead
  • 2007 - Fork in the Road e Blue Part of the Windshield nell'album Grand Forks di Tom Brosseau.

Note

  1. ^ (EN) Hilary Hahn Biography, hilaryhahn.com. URL consultato il 5 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2009).
  2. ^ a b (EN) Julia Zaustinsky, A Conversation with Hilary Hahn, su Strings, agosto/settembre 1999. URL consultato il 25 maggio 2013.
  3. ^ (EN) Adrian Ross, A moment with Hilary Hahn, su The Daily Princetonian, 15 novembre 2005. URL consultato il 25 maggio 2013.
  4. ^ (EN) Great Performances, The Art of Violin: Hilary Hahn, PBS, dicembre 2001. URL consultato il 25 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 26 luglio 2008).
  5. ^ (EN) Réjean Beaucage, Hilary Hahn – The Lady Ascending, in La Scena Musicale, vol. 9, nº 3, 5 novembre 2003. URL consultato il 25 maggio 2013.
  6. ^ (EN) Joel Rose, Concert Violinist Plays Indie-Rock Gigs, su NPR Music, Weekend Edition Sunday, 4 marzo 2007. URL consultato il 25 maggio 2013.
  7. ^ a b (EN) Melinda Bargreen, Hilary Hahn at ease in classical, "jeans and chains" worlds, su The Seattle Times, 15 gennaio 2007. URL consultato il 25 maggio 2013.
  8. ^ Si veda a tale proposito il sito specializzato nella valutazione di strumenti musicali Cozio.com Archiviato il 25 maggio 2013 in Internet Archive. (Inserire "Hilary Hahn" nel box di ricerca).
  9. ^ Concerto composto per Hilary Hahn. Il compositore, nato nel 1960, è anche contrabbassista e suona spesso con Yo-Yo Ma. È amico di H. Hahn.
  10. ^ Der Kleine Hörsaal – Die Geige mit Hilary Hahn, AllMusic
  11. ^ Begegnung mit Hilary Hahn
  12. ^ Concerto scritto per Hilary Hahn, a cui è anche dedicato, dalla sua docente di Composizione, che ha ricevuto per questo un premio Pulitzer
  13. ^ the official unofficial trail of dead fansite | hilary hahn has trail of dead fallout, demands removal Archiviato il 13 marzo 2007 in Internet Archive.

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF (EN7585390 · ISNI (EN0000 0001 1467 1559 · LCCN (ENno98077378 · GND (DE1240-10458 · BNF (FRcb140086051 (data)
Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 22.01.2019 11:06:23

Questo articolo si basa sull'articolo Hilary Hahn dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.