Mariangela Melato

nata il 19.9.1941 a Milano, Lombardia, Italia

morto il 11.1.2013 a Roma, Latium, Italia

Links www.mariangelamelato.com (Inglese)

Mariangela Melato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Mariangela Melato (Milano, 19 settembre 1941  Roma, 11 gennaio 2013) è stata un'attrice italiana.

Biografia

Nata a Milano nel 1941, figlia di un vigile urbano e di una sarta. Sorella dell'attrice e cantautrice Anna Melato, da giovanissima studiò pittura all'Accademia di Brera, disegnando manifesti e lavorando come vetrinista a La Rinascente per pagarsi i corsi di recitazione di Esperia Sperani.[1][2] Nel 1960, non ancora ventenne, entrò nella compagnia di Fantasio Piccoli, esordendo come attrice in Binario cieco di Carlo Terron, rappresentato al Teatro Stabile di Bolzano.[3]

Dal 1963 al 1965 lavorò con Dario Fo in Settimo: ruba un po' meno e La colpa è sempre del diavolo. Nel 1966 fu ingaggiata dallo Stabile di Trieste e nel 1967 lavorò con Luchino Visconti ne La monaca di Monza. Nel 1968 la sua affermazione definitiva nella propria attività teatrale ne l'Orlando furioso di Luca Ronconi, ma ebbe successo anche nella commedia musicale di Garinei e Giovannini Alleluia brava gente (1971).

Nel cinema, dopo l'esordio nel film Thomas e gli indemoniati (1970) di Pupi Avati (con cui tornò a lavorare dieci anni dopo in Aiutami a sognare), alternò ruoli drammatici (La classe operaia va in paradiso, 1971, e Todo modo, 1976, di Petri; Caro Michele, 1976, di Monicelli; Oggetti smarriti, 1979, e Segreti segreti, 1985, di Giuseppe Bertolucci; Dimenticare Venezia, 1979, e Il buon soldato, 1982, di Franco Brusati; Figlio mio, infinitamente caro..., 1985, di Valentino Orsini) a quelli da commedia, come in Mimì metallurgico ferito nell'onore (1972), Film d'amore e d'anarchia (1973) e Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare d'agosto (1974) di Lina Wertmüller; Casotto (1977) e Mortacci (1988) di Sergio Citti. Nel 1980 interpretò inoltre il ruolo del Generale Kala, uno degli antagonisti del film Flash Gordon di Mike Hodges.

La sua carriera e la sua indole rimangono comunque indissolubilmente legati al mondo del teatro. Qui affrontò personaggi di grande impegno nelle tragedie Medea (1986) e Fedra (1987) di Euripide e nelle commedie Il caso di Alessandro e Maria (1982) di Gaber e Luporini, Vestire gli ignudi di Pirandello (1990) e La bisbetica domata di Shakespeare (1992).

Negli anni novanta e Duemila lavorò per la televisione (Scandalo, 1990, Una vita in gioco, 1991, Due volte ventanni, 1995, L'avvocato delle donne, 1997; Rebecca, la prima moglie, 2008; Filumena Marturano, 2010) ed è proseguito il suo impegno teatrale, spesso in collaborazione con il Teatro Stabile di Genova (Il lutto si addice ad Elettra, 1996; La dame de Chez Maxim, 1998; Fedra, 1999; Un amore nello specchio e Madre Coraggio, 2002; La Centaura, 2004; Chi ha paura di Virginia Woolf?, 2005; Il dolore, 2010); mentre per il cinema recitò in La fine è nota (1993) di Cristina Comencini, Panni sporchi di Mario Monicelli, Un uomo perbene di Maurizio Zaccaro (1999) e Vieni via con me (2005) di Carlo Ventura e partecipò al documentario su Alda Merini, Una donna sul palcoscenico (2009) di Cosimo Damiano Damato, presentato alle Giornate degli Autori della 66ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, recitando alcune poesie inedite della grande poetessa milanese.

Compagna per molti anni dello showman Renzo Arbore, malata da tempo di tumore al pancreas, è deceduta l'11 gennaio 2013 in una clinica romana all'età di 71 anni.[4] I funerali sono stati celebrati il giorno seguente nella Basilica di Santa Maria in Montesanto, detta anche Chiesa degli artisti, a Roma. A ricordarla, sul sagrato della chiesa, per volere della stessa Melato, Emma Bonino, con la quale l'attrice si era più volte apertamente schierata.

L'urna con le ceneri di Mariangela Melato è stata sepolta nel giardino della casa romana della sorella Anna[5].

Filmografia

Cinema

  • Thomas e gli indemoniati, regia di Pupi Avati (1969)
  • L'invasione, regia di Marc Allegret (1970)
  • Il prete sposato, regia di Marco Vicario (1970)
  • Rapporto a tre, regia di Paul Swimmer (1970)
  • Incontro, regia di Piero Schivazappa (1970)
  • Io non scappo... fuggo, regia di Franco Prosperi (1971)
  • Basta guardarla, regia di Luciano Salce (1971)
  • Per grazia ricevuta, regia di Nino Manfredi (1971)
  • La classe operaia va in paradiso, regia di Elio Petri (1971)
  • Mimì metallurgico ferito nell'onore, regia di Lina Wertmüller (1972)
  • Lo chiameremo Andrea, regia di Vittorio De Sica (1972)
  • La violenza: quinto potere, regia di Florestano Vancini (1972)
  • La polizia ringrazia, regia di Steno (1972)
  • Il generale dorme in piedi, regia di Francesco Massaro (1972)
  • Film d'amore e d'anarchia, ovvero stamattina alle 10 in Via dei Fiori nella nota casa di tolleranza, regia di Lina Wertmüller (1973)
  • Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare d'agosto, regia di Lina Wertmüller (1974)
  • La poliziotta, regia di Steno (1974)
  • Sterminate "Gruppo Zero", regia di Claude Chabrol (1974)
  • Di che segno sei?, regia di Sergio Corbucci (1975)
  • L'albero di Guernica, regia di Fernando Arrabal (1975)
  • Faccia di spia, regia di Giuseppe Ferrara (1975)
  • Attenti al buffone, regia di Alberto Bevilacqua (1976)
  • Caro Michele, regia di Mario Monicelli (1976)
  • Todo Modo, regia di Elio Petri (1976)
  • Casotto, regia di Sergio Citti (1977)
  • La presidentessa, regia di Luciano Salce (1977)
  • Il gatto, regia di Luigi Comencini (1977)
  • Saxofone, regia di Renato Pozzetto (1978)
  • I giorni cantati, regia di Paolo Pietrangeli (1979)
  • Dimenticare Venezia, regia di Franco Brusati (1979)
  • Flash Gordon, regia di Mike Hodges (1980)
  • Oggetti smarriti, regia di Giuseppe Bertolucci (1980)
  • Il pap'occhio, regia di Renzo Arbore (1980)
  • Jeans dagli occhi rosa, regia di Andrew Bergman (1981)
  • Aiutami a sognare, regia di Pupi Avati (1981)
  • Bello mio, bellezza mia, regia di Sergio Corbucci (1982)
  • Il buon soldato, regia di Franco Brusati (1982)
  • Domani si balla!, regia di Maurizio Nichetti (1983)
  • Il petomane, regia di Pasquale Festa Campanile (1983)
  • Segreti segreti, regia di Giuseppe Bertolucci (1985)
  • Notte d'estate con profilo greco, occhi a mandorla e odore di basilico, regia di Lina Wertmüller (1986)
  • Figlio mio infinitamente caro, regia di Valentino Orsini (1987)
  • Giselle, regia di Herbert Ross (1987)
  • Mortacci, regia di Sergio Citti (1988)
  • La fine è nota, regia di Cristina Comencini (1992)
  • Panni sporchi, regia di Mario Monicelli (1999)
  • Un uomo perbene, regia di Maurizio Zaccaro (1999)
  • L'amore probabilmente, regia di Giuseppe Bertolucci (2001)
  • L'amore ritorna, regia di Sergio Rubini (2004)
  • Vieni via con me, regia di Carlo Ventura (2005)

Televisione

  • Mosè regia di Gianfranco De Bosio (1974)
  • Orestea regia di Luca Ronconi (1975)
  • Orlando furioso regia di Luca Ronconi (1975)
  • Al Paradise regia di Antonello Falqui (1983)
  • Vestire gli ignudi regia di Giancarlo Sepe (1986)
  • Lulù regia di Sandro Bolchi (1986)
  • Emma. Quattro storie di donne, regia di Carlo Lizzani (1987)
  • Piazza Navona, episodio Amore a cinque stelle, regia di Roberto Giannarelli (1988)
  • Medea regia di Tomaso Sherman (1989)
  • Una vita in gioco regia di Franco Giraldi (1991)
  • Le chinois, episodio L'héritage, regia di Vittorio Sindoni (1992)
  • Una vita in gioco 2 regia di Giuseppe Bertolucci (1992)
  • Due volte vent'anni regia di Livia Giampalmo (1993)
  • L'avvocato delle donne regia di Andrea e Antonio Frazzi (1997)
  • La vita cambia regia di Gianluigi Calderone (2000)
  • Rebecca, la prima moglie regia di Riccardo Milani (2008)
  • Filumena Marturano regia di Franza Di Rosa (2010)

Teatro

  • Settimo ruba un po' meno, di Dario Fo, regia di Dario Fo. (1964)
  • La colpa è sempre del diavolo, di Dario Fo, regia di Dario Fo. (1965)
  • La Monaca di Monza, di Giovanni Testori, regia di Luchino Visconti. (1967)
  • Un debito pagato di John Osborne, regia di Luigi Durissi e Edgar Devalle. (1968)
  • Orlando furioso, di Ludovico Ariosto, regia di Luca Ronconi. (1969)
  • Alleluia brava gente, di Garinei e Giovannini. (1971)
  • El nost Milan, di Carlo Bertolazzi, regia di Giorgio Strehler. Teatro Lirico di Milano (1979)
  • Il caso di Alessandro e Maria, di Giorgio Gaber e Sandro Luporini. (1982)
  • Vestire gli ignudi, di Luigi Pirandello, regia di Giancarlo Sepe. (1985)
  • Medea, di Euripide, regia di Giancarlo Sepe. (1986)
  • Anna dei miracoli, di William Gibson, regia di Giancarlo Sepe. (1988)
  • La bisbetica domata, di William Shakespeare. (1992)
  • L'affare Makropoulos, di Karel apek, regia di Luca Ronconi. (1993)
  • Un tram che si chiama desiderio, di Tennessee Williams, regia di Elio De Capitani (1994)
  • Il lutto si addice ad Elettra, di Eugene o'Neill, regia di Luca Ronconi. Teatro Argentina di Roma (1997)
  • Fedra, di Jean Racine, regia di Marco Sciaccaluga. (2000)
  • Madre Courage e i suoi figli, di Bertolt Brecht. (2002)
  • Amor nello specchio (1662) di Giovan Battista Andreini, regia di Luca Ronconi, Ferrara, Palazzo sei Diamanti (2002)
  • Quel che sapeva Maisie, di Henry James, regia di Luca Ronconi. Teatro Grassi di Milano (2002)
  • Chi ha paura di Virginia Woolf?, di Edward Albee. (2004)
  • Sola me ne vo'..., di Vincenzo Cerami, Riccardo Cassini, Mariangela Melato, Giampiero Solari, regia di Giampiero Solari. Teatro Sistina di Roma (2007)
  • Lanima buona del Sezuan. (2008)
  • Nora alla prova, adattamento da Casa di bambola di Henrik Ibsen, regia di Luca Ronconi. (2010)
  • Il dolore, di Marguerite Duras, regia di Massimo Luconi. Teatro Stabile di Genova (2011)

Premi e riconoscimenti

  • David di Donatello
    • 1972 - David speciale, per La classe operaia va in paradiso e Mimì metallurgico ferito nell'onore
    • 1975 - Migliore attrice protagonista, per La poliziotta
    • 1977 - Migliore attrice protagonista, per Caro Michele
    • 1978 - Migliore attrice protagonista, per Il gatto
    • 1981 - Migliore attrice protagonista, per Aiutami a sognare
    • 1983 - Nomination Migliore attrice protagonista, per Il buon soldato
    • 1984 - Targa speciale
    • 1986 - Medaglia d'oro del Comune di Roma
    • 2000 - Targa d'oro
  • Nastro d'Argento
    • 1972 - Migliore attrice protagonista, per La classe operaia va in paradiso
    • 1973 - Migliore attrice protagonista, per Mimì metallurgico ferito nell'onore
    • 1977 - Migliore attrice protagonista, per Caro Michele
    • 1979 - Migliore attrice protagonista, per Dimenticare Venezia
    • 1981 - Migliore attrice protagonista, per Aiutami a sognare
    • 1983 - Nomination Migliore attrice protagonista, per Il buon soldato
  • Globo d'oro
    • 1973 - Miglior attrice rivelazione, per Mimì metallurgico ferito nell'onore
    • 2000 - Nomination Miglior attrice, per Un uomo perbene
  • Premio Eleonora Duse
    • 1987 - Premio ricevuto per la sua interpretazione della tragedia Medea (Euripide)[6]
    • 1999 - Premio ricevuto per la sua interpretazione della tragedia Fedra (Racine) (nella traduzione di Giovanni Raboni)[7]

2001/2002 premio ubu x "quel che sapeva Maisie"

2010 premio ubu x "Nora alla prova" (vedi premio Ubu)

Onorificenze

Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana

 28 maggio 2003. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[8]

1979: Attestato di civica benemerenza del comune di Milano.[9]

Note

  1. Curzio Maltese. Melato Siate esagerate. La Stampa, 30 agosto 1995. URL consultato il 12 gennaio 2013 .
  2. Lietta Tornabuoni. Il bell'inferno della Melato. La Stampa, 18 maggio 1972. URL consultato il 12 gennaio 2013 .
  3. Binario cieco di Carlo Terron, 1963-64, regia Fantasio Piccoli. Teatro Stabile di Bolzano. URL consultato il 12 gennaio 2013 .
  4. Claudia Morgoglione. "Addio a Mariangela Melato, la Signora del teatro", 'la Repubblica', 11 gennaio 2013. URL consultato il 11 gennaio 2013.
  5. [http://www.ilsalvagente.it/Sezione.jsp? titolo=Mariangela%20Melato,%20alle%2015%20l'addio%20nella%20chiesa%20degli%20artisti&idSezione=19412]
  6. Guido Davico Bonino. Melato: Sono brava perché sono inquieta. La Stampa, 13 ottobre 1987. URL consultato il 12 gennaio 2013 .
  7. Mariangela Melato rapita dal fascino di Fedra. Corriere della Sera, 14 marzo 2000. URL consultato il 12 gennaio 2013 .
  8. Melato Sig.ra Mariangela - Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Presidenza della Repubblica, 28 maggio 2003. URL consultato il 12 gennaio 2013 .
  9. Addio alla Melato, era una regina dello spettacolo. AGI.it, 11 gennaio 2013. URL consultato il 14 gennaio 2013 .

Bibliografia

  • Pino Farinotti (a cura di) Dizionario dei film: tutto il cinema di tutti i paesi. Milano, Rusconi, 1980.

Altri progetti

Collegamenti esterni

Scheda su 0577423 dell'Internet Movie Database

Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 10.03.2014 20:17:20

Questo articolo si basa sull'articolo Mariangela Melato dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.