Peter Frampton

nato il 22.4.1950 a Beckenham, London, Gran Bretagna

Links www.frampton.com (Inglese)

Peter Frampton (musicista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
"You can't erase a dream, you can only wake me up"
(Peter Frampton)
Peter Kenneth Frampton

Peter Frampton nel 2008 a Las Vegas
Nazionalità  Regno Unito
Genere Pop rock
Arena rock[1]
Periodo di attività
1966in attività
Strumento Voce
chitarra
piano
armonica a bocca
fisarmonica
Etichetta A&M
Album pubblicati 19
Studio 14
Live 5
Sito ufficiale
Si invita a seguire lo schema del Progetto Musica

Peter Frampton (Beckenham, 22 aprile 1950) è un cantante e polistrumentista britannico, vincitore di diversi Grammy, conosciuto soprattutto per la sua carriera solista negli anni settanta.

Carriera

All'età di dieci anni Frampton suonò in una band chiamata Little Ravens. Lui e David Bowie erano alunni dell'istituto tecnico di Bromley (dove il padre di Peter, Owen, era il direttore del ramo artistico), e di conseguenza i Little Ravens suonarono spesso assieme alla band di Bowie chiamata George and the Dragons.[2]

La prima apparizione di Frampton negli Stati Uniti avvenne in uno sconosciuto locale a Long Island (New York), chiamato Rock Pile. Il gruppo si chiamava Humble Pie, per il quale Frampton suonava la chitarra solista. Questo gruppo suonò anche in una stazione radio di New York, WNEW-FM.

I primi successi, comunque, arrivarono quando era un componente dei The Herd, con i quali conquistò i giovanissimi in Gran Bretagna. Assieme a Steve Marriott, ex cantante degli Small Faces fondò gli Humble Pie; in seguito collaborò come autore negli album di Harry Nilsson, Jim Price, Jerry Lee Lewis. Seguirà poi una carriera importante per il chitarrista che si farà conoscere con successi come Baby I Love Your Way o I'm In You dall'omonimo album del 1976; il chitarrista pubblicherà anche l'album Frampton Comes Alive!, una raccolta dal vivo delle sue canzoni più significative e che sarà uno degli album più diffusi degli anni settanta risultando inoltre attualmente il "live" più venduto di sempre.[3]

Matrimoni

Frampton è stato sposato quattro volte. La prima con Mary Lovett (dal 1971 al 1973), in seguito con Penny McCall (dal 1974 al 1980), Barbara Gold (dal 1983 al 1993, da cui ha avuto due figli) e Tina Elfers (dal 13 gennaio del 1996, da cui ha avuto un figlio).

Frampton nella cultura di massa

  • Frampton è apparso in show televisivi come I Simpson, I Griffin e Colbert Report, in cui è stato menzionato in particolare il suo effetto talking guitar che utilizza negli spettacoli dal vivo. Ha anche interpretato il ruolo di un guardacosta australiano di nome Peter Buckley nel programma televisivo La squadriglia delle pecore nere.
  • Nell'episodio Death Lives dei Griffin, Peter afferma che tutti devono possedere l'album Frampton Comes Alive!, dato il suo successo.
  • Nei Simpson, Peter Frampton appare nell'episodio Homerpalooza.

Discografia

  • Wind of Change (1972)
  • Frampton's Camel (1973)
  • Somethin's Happening (1974)
  • Frampton (1975)
  • Frampton Comes Alive! (1976)
  • I'm in You (1977)
  • Where I Should Be (1979)
  • Rise Up (1980)
  • Breaking All The Rules (1981)
  • The Art of Control (1982)
  • Premonition (1986)
  • When All the Pieces Fit (1989)
  • Peter Frampton (1994)
  • Frampton Comes Alive II (1995)
  • Live in Detroit (2000)
  • Now (2003)
  • Live in San Francisco March 24, 1975 (2004)
  • 2004 Summer Tour (2004)*
  • Fingerprints (2006)
  • Thank You Mr Churchill (2010)

Filmografia

  • Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band nel ruolo di Billy Shears
  • Black Sheep Squadron (NBC TV Series) nel ruolo di Peter Buckley (Un episodio)
  • Quasi famosi come Reg

Note

  1. (EN)Arena rock su Allmusic
  2. Buxton, John (19 agosto 2006). Answers to Correspondents . Daily Mail, London: p.64.
  3. (EN)Frampton Comes Alive! su Allmusic

Altri progetti

Collegamenti esterni

Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 30.01.2014 16:16:53

Questo articolo si basa sull'articolo Peter Frampton (musicista) dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.