Maximilian Schell

nato il 8.12.1930 a Wien, Wien, Austria

morto il 1.2.2014 a Innsbruck, Tirol, Austria

Links www.imdb.com (Inglese)
www.filmportal.de (Tedesco)

Maximilian Schell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Maximilian Schell nel 1970

Maximilian Schell (Vienna, 8 dicembre 1930  Innsbruck, 1º febbraio 2014) è stato un attore e regista cinematografico austriaco.

Biografia

Figlio dell'attrice Margarete Schell Nolé, aveva un fratello, (Carl), e due sorelle, (Maria e Immy), attori anch'essi.

Maximilian esordì nel 1955 nel film di guerra tedesco Kinder, Mütter und ein General (All'est si muore). Nel 1958 debuttò ad Hollywood col film I giovani leoni. Nel corso della sua carriera lavorò anche in teatro e in televisione, e nel 1959 interpretò Amleto per la televisione tedesca.

Schell si è spento il 1º febbraio 2014 all'età di 83 anni dopo un'improvvisa malattia.[1]

Maximilian Schell è stato sepolto nel cimitero Zentralfriedhof di Vienna, accanto ala sorella Maria.

L'Oscar

Nel 1962 vinse il premio Oscar al miglior attore protagonista per la sua interpretazione nel film Vincitori e vinti. Divenne così famoso in tutto il mondo, ottenendo ruoli sia per il cinema che per la televisione. Fu candidato altre due volte: nel 1976 di nuovo come protagonista per The Man in the Glass Booth, nel 1978 come miglior attore non protagonista per Giulia.

Vita privata

Padrino di Angelina Jolie, nel 1985 si sposò con Natalya Andrejchenko, conosciuta sul set della miniserie tv Pietro il Grande, da cui ebbe una figlia, Nastassja nel 1989 e da cui divorziò nel 2005.

Il 20 agosto 2013 convolò nuovamente a nozze con la cantante Iva Mihanovic.

Filmografia

  • All'est si muore (Kinder, Mütter und ein General) (1955)
  • Operazione walkiria (Der 20. Juli) (1955)
  • Reifende Jugend (1955)
  • La ragazza delle Fiandre (Ein Mädchen aus Flandern) (1956)
  • Die Ehe des Dr. med. Danwitz (1956)
  • Ein Herz kehrt heim (1956)
  • Taxichauffeur Bänz (1957)
  • In caso d'innocenza (Die Letzten werden die Ersten sein) (1957)
  • I giovani leoni (The Young Lions) (1958)
  • Kinder der Berge (1958)
  • Die Bernauerin (1958) Film TV
  • Playhouse 90, negli episodi "Child of Our Time" (1959) e "Judgment at Nuremberg" (1959)
  • Westinghouse Desilu Playhouse, nell'episodio "Perilous" (1959)
  • The Fifth Column (1960) Film TV
  • Sunday Showcase, nell'episodio "Turn the Key Deftly" (1960)
  • Alcoa Theatre, nell'episodio "The Observer" (1960)
  • The Three Musketeers (1960) Film TV
  • Il piccolo Amleto (Hamlet, Prinz von Dänemark) (1961) Film TV
  • Vincitori e vinti (Judgment at Nuremberg) (1961)
  • Signora di lusso (Five Finger Exercise) (1962)
  • I sequestrati di Altona (1962)
  • Cronache di un convento (The Reluctant Saint) (1962)
  • Topkapi (Topkapi) (1964)
  • Der Seidene Schuh (1965) Miniserie TV
  • Dimensione della paura (Return from the Ashes) (1965)
  • Chiamata per il morto (The Deadly Affair) (1966)
  • Bob Hope Presents the Chrysler Theatre, nell'episodio "A Time to Love" (1967)
  • Sinfonia di guerra (Counterpoint) (1968)
  • La fuga di Marek (The Desperate Ones) (1968)
  • Heidi (1968) Film TV
  • Krakatoa, est di Giava (Krakatoa, East of Java) (1969)
  • Simon Bolivar (Simón Bolívar) (1969)
  • Primo amore (Erste Liebe) (1970)
  • Das Schloß (1971)
  • La papessa Giovanna (Pope Joan) (1972)
  • Paulina 1880 (1972)
  • Il pedone (Der Fußgänger) (1973)
  • The Rehearsal (1974)
  • Dossier Odessa (The Odessa File) (1974)
  • The Man in the Glass Booth (1975)
  • Assassinio sul ponte (Der Richter und sein Henker) (1975)
  • Quel rosso mattino di giugno (Sarajevski atentat) (1975)
  • Candidato all'obitorio (St. Ives) (1976)
  • La croce di ferro (Cross of Iron) (1977)
  • Quell'ultimo ponte (A Bridge Too Far) (1977)
  • Giulia (Julia) (1977)
  • L'ultimo gioco (Players) (1979)
  • Avalanche Express (Avalanche Express) (1979)
  • Amo non amo (1979)
  • The Black Hole - Il buco nero (The Black Hole) (1979)
  • The Diary of Anne Frank (1980) Film TV
  • Gli eletti (The Chosen) (1981)
  • Il fantasma dell'opera (The Phantom of the Opera) (1983) Film TV
  • Les Îles (1983)
  • Morgen in Alabama (1984)
  • Assisi Underground (The Assisi Underground) (1985)
  • Pietro il Grande (Peter the Great) (1986) Miniserie TV
  • Pietro il Grande (parte prima) (Peter the Great) (1986)
  • Pietro il Grande (parte seconda) (Peter the Great) (1986)
  • The Rose Garden (1989)
  • Il boss e la matricola (The Freshman) (1990)
  • Oltre la legge - L'informatore (Wiseguy) (1987) Serie TV
  • E Caterina regnò (Young Catherine) (1991) Film TV
  • Rose White (Miss Rose White) (1992) Film TV
  • Stalin (1992) Film TV
  • Sulle orme del vento (A Far Off Place) (1993)
  • Justiz (1993)
  • Candles in the Dark (1993) Film TV
  • Abramo (Abraham) (1994) Film TV
  • Little Odessa (Little Odessa) (1994)
  • The Vampyre Wars (1996)
  • Uccelli di rovo - Gli anni mancanti (The Thorn Birds: The Missing Years) (1996) Film TV
  • Through Roses (1997)
  • Telling Lies in America - Un mito da infrangere (Telling Lies in America) (1997)
  • The Eighteenth Angel (1998)
  • Left Luggage (1998)
  • Vampires (Vampires) (1998)
  • Deep Impact (Deep Impact) (1998): Jason Lerner
  • Wer liebt, dem wachsen Flügel... (1999)
  • Giovanna d'Arco (Joan of Arc) (1999) Film TV
  • I Love You, Baby (2000)
  • Fisimatenten (2000)
  • The Song of the Lark (2001) Film TV
  • Festival in Cannes (2001)
  • Liebe, Lügen, Leidenschaft (2002) Miniserie TV
  • Meine Schwester Maria (2002) Documentario
  • Der Bestseller - Mord auf italienisch (2002) Film TV
  • Coast to Coast (Coast to Coast) (2003) Film TV
  • Alles Glück dieser Erde (2003) Film TV
  • The Return of the Dancing Master (2004) Film TV
  • Un tuffo verso l'amore (Die Liebe eines Priesters) (2005) Film TV
  • Giganten: Albert Einstein (2006) Film TV
  • The Shell Seekers (2006) Film TV
  • Die Alpenklinik (2006) Film TV
  • Das Haus der schlafenden Schönen (2006)
  • Il principe e la fanciulla (Der Fürst und das Mädchen) (2003-2007) Serie TV
  • Giganten, nell'episodio "Einstein - Superstar der Wissenschaft" (2007)
  • Essenze d'amore (Die Rosenkönigin) (2007) Film TV

Onorificenze

Onorificenze tedesche

Croce al Merito di I Classe dell'Ordine al Merito di Germania

Onorificenze austriache

Croce d'Onore di I Classe per le scienze e per le arti (Austria)

Note

  1. Addio a Maximilian Schell, Oscar per "Vincitori e Vinti". 1º febbraio 2014. URL consultato il 22 marzo 2014 .

Altri progetti

Collegamenti esterni

  • Scheda su 0001703 dell'Internet Movie Database
Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 19.04.2014 00:20:22

Questo articolo si basa sull'articolo Maximilian Schell dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.