Jane Birkin

Jane Birkin

nata il 14.12.1946 a London, England, Gran Bretagna

Links www.janebirkin.net (Francese, Inglese)

Jane Birkin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Jane Birkin

Jane Birkin nel 2009
Nazionalità  GBR
Genere Pop
Periodo di attività
1963in attività
Si invita a seguire lo schema del Progetto Musica

Jane Mallory Birkin (Londra, 14 dicembre 1946) è un'attrice e cantante britannica che ha lavorato prevalentemente in Francia.

Biografia

Discende da una famiglia che ha fatto fortuna con l'industria del merletto nel Nottinghamshire. Una prozia, Winifred (Freda) May Birkin, poi sposata con William Dudley Ward, fu amante del Principe di Galles (che divenne poi Edoardo VIII del Regno Unito, e Duca di Windsor). Per parentela diretta o acquisita è collegata alle attrici Penelope Dudley Ward e Rachel Ward.

È la seconda figlia del maggiore David Birkin (comandante della Royal Navy ed eroe della seconda guerra mondiale coinvolto anche in vicende di spionaggio) e dell'attrice e cantante Judy Campbell (pseudonimo di Judy Gamble), famosa per le sue interpretazioni nei musical di Noël Coward.

Ha cominciato la carriera di attrice teatrale, seguendo le orme della madre, all'età di 17 anni a Londra, negli anni della swinging London. Ha in seguito esordito come cantante in un musical, esortata dal compositore inglese John Barry (autore anche di alcune musiche per i film di James Bond), che poi ha sposato all'età di 19 anni. Da questo matrimonio ha avuto la sua prima figlia, Kate Barry, nata nel 1967, subito prima di divorziare, scomparsa a Parigi, probabilmente suicida, l'11 dicembre 2013, precipitando dal quarto piano del suo appartamento nel XVI Arrondissement.[1][2].

Il suo esordio cinematografico è con The Knack di Richard Lester, ma è con il film seguente, Blow-up di Michelangelo Antonioni, e con la scena in cui compare a seno nudo che la Birkin diventa un personaggio chiacchierato e riconosciuto nella scena londinese. La celebre maison francese del lusso Hermès ha dedicato a Jane Birkin una borsa, chiamandola per l'appunto Birkin Bag, che negli anni è diventata leggendaria e oggetto del desiderio delle donne di tutto il mondo. Questa borsa è entrata a pieno titolo nella classifica delle cosiddette It Bags ossia le borse più costose e desiderate al mondo. Tale modello di borsa parte da un prezzo minimo di 6.000 euro e può arrivare a superare i 120.000 euro se impreziosita con diamanti come una delle tante possedute da Victoria Beckham, grande fan di questa borsa.

Trasferitasi in Francia, nel 1968 sul set del film Slogan ha conosciuto il cantante e musicista Serge Gainsbourg (nato Lucién Ginzburg), con cui ha intrapreso una relazione durata fino al 1980. Nel 1969 la coppia Birkin-Gainsbourg ha conquistato la scena francese grazie alla pubblicazione della canzone Je t'aime... moi non plus, originariamente incisa da Gainsbourg assieme a Brigitte Bardot e non pubblicata. La canzone ha fatto scandalo all'epoca grazie ai gemiti della Birkin a commento del testo esplicito che, cantato da entrambi, alterna parole d'amore e descrizione di corpi nudi nel mezzo di un rapporto sessuale. Nel 1971 hanno avuto una figlia, Charlotte, anch'ella attrice e cantante.

Dopo la loro separazione, pur continuando la collaborazione con Gainsbourg come interprete di successo di canzoni appositamente scritte per lei, la Birkin ha scelto di modificare la propria immagine di buffa e sexy ragazzina inglese che aveva interpretato in oltre trenta film, per fare emergere una personalità più complessa. Questo è avvenuto in particolare grazie ai film realizzati con quello che diventerà il suo nuovo compagno, il regista francese Jacques Doillon. Da questa relazione ha avuto una terza figlia, Lou, nata nel 1982 e diventata una modella molto nota. Insieme alla figlia, la modella Lou Doillon, Jane Birkin ha disegnato una linea di abbigliamento per la casa di moda La Redoute.

Dal 1987 preferisce la scena teatrale a quella cinematografica, con concerti e musical.

Filmografia

Cinema

Attrice

  • Non tutti ce l'hanno (The Knack...and How to Get It), regia di Richard Lester (1965)
  • La truffa che piaceva a Scotland Yard (Kaleidoscope), regia di Jack Smight (1966)
  • Blow-up, regia di Michelangelo Antonioni (1966)
  • Onyricon (Wonderwall), regia di Joe Massot (1968)
  • La piscina (La piscine), regia di Jacques Deray (1969)
  • Slogan, regia di Pierre Grimblat (1969)
  • Katmandu (Les Chemins de Katmandou), regia di André Cayatte (1969)
  • Sex Power, regia di Henry Chapier (1970)
  • Alba pagana, regia di Ugo Liberatore (1970)
  • New York-Parigi per una condanna a morte (Cannabis), regia di Pierre Koralnik (1970)
  • Così nano, così perverso (Trop petit mon ami), regia di Eddy Matalon (1970)
  • Il romanzo di un ladro di cavalli (Romance of a Horsethief), regia di Abraham Polonsky (1971)
  • Devetnaest djevojaka i jedan mornar, regia di Milutin Kosovac (1971)
  • Perché mammà ti manda solo? (Trop jolies pour être honnêtes), regia di Richard Balducci (1972)
  • La scala della follia (Dark Places), regia di Don Sharp (1973)
  • Una donna come me (Don Juan ou Si Don Juan était une femme...), regia di Roger Vadim (1973)
  • La morte negli occhi del gatto, regia di Antonio Margheriti (1973)
  • Le amanti (Projection privée), regia di François Leterrier (1973)
  • Il montone infuriato (Le Mouton enragé), regia di Michel Deville (1974)
  • Comment réussir... quand on est con et pleurnichard, regia di Michel Audiard (1974)
  • Ci son dentro fino al collo... (La moutarde me monte au nez) , regia di Claude Zidi (1974)
  • Primavera carnale (Serieux comme le plaisir), regia di Robert Benayoun (1975)
  • Bagarre express (La course à l'échalote), regia di Claude Zidi (1975)
  • Un letto in società (Catherine et Cie), regia di Michel Boisrond (1975)
  • I baroni della medicina (Sept morts sur ordonnance), regia di Jacques Rouffio (1975)
  • Bruciati da cocente passione, regia di Giorgio Capitani (1976)
  • Je t'aime moi non plus, regia di Serge Gainsbourg (1976)
  • Collage (Le diable au coeur), regia di Bernard Queysanne (1976)
  • L'animale (L'animal), regia di Claude Zidi (1977)
  • Assassinio sul Nilo (Death on the Nile), regia di John Guillermin (1978)
  • Au bout du bout du banc, regia di Peter Kassovitz (1979)
  • Clarisse Gabus (Melancoly Baby), regia di Clarisse Gabus (1979)
  • La miel, regia di Pedro Masó (1979)
  • Inferno e passione (Egon Schiele Exzesse), regia di Herbert Vesely (1981)
  • La fille prodigue, regia di Jacques Doillon (1981)
  • Rends-moi la clé!, regia di Gérard Pirès (1981)
  • Delitto sotto il sole (Evil Under the Sun), regia di Guy Hamilton (1982)
  • Detective (Nestor Burma, détective de choc), regia di Jean-Luc Miesch (1982)
  • Circulez y'a rien à voir, regia di Patrice Leconte (1983)
  • L'amico di Vincent (L'ami de Vincent), regia di Pierre Granier-Deferre (1983)
  • Le garde du corps, regia di François Leterrier (1984)
  • La pirate, regia di Jacques Doillon (1984)
  • L'amore in pezzi (L'amour par terre), regia di Jacques Rivette (1984)
  • Leave All Fair, regia di John Reid (1985)
  • Dust, regia di Marion Hänsel (1985)
  • Il nipote di Beethoven (Le neveu de Beethoven), regia di Paul Morrissey (1985)
  • La donna della mia vita (La femme de ma vie), regia di Régis Wargnier (1986)
  • Cura la tua destra... (Soigne ta droite), regia di Jean-Luc Godard (1987)
  • Comédie!, regia di Jacques Doillon (1987)
  • Kung-fu master!, regia Agnès Varda (1988)
  • Jane B. par Agnès V., regia di Agnès Varda (1988)
  • Daddy Nostalgie, regia di Bertrand Tavernier (1990)
  • La bella scontrosa (La belle noiseuse), regia di Jacques Rivette (1991)
  • Divertimento, regia di Jacques Rivette (1992)
  • Les cent et une nuits de Simon Cinéma, regia di Agnès Varda (1995)
  • Between the Devil and the Deep Blue Sea, regia di Marion Hänsel (1995)
  • Noir comme le souvenir, regia di Jean-Pierre Mocky (1995)
  • Parole, parole, parole (On connâit la chanson), regia di Alain Resnais (1997)
  • La figlia di un soldato non piange mai (A Soldiers Daughter Never Cries), regia di James Ivory (1998)
  • The Last September, regia di Deborah Warner (1999)
  • Ceci est mon corps, regia di Rodolphe Marconi (2001)
  • Regine per un giorno (Reines dun jour), regia di Marion Vernoux (2001)
  • Merci Docteur Rey, regia di Andrew Litvack (2002)
  • Mariées mais pas trop, regia di Catherine Corsini (2003)
  • La tête de maman, regia di Carine Tardieu (2007)
  • Boxes - Les boîtes, regia di Jane Birkin (2007)
  • Bunker, regia di Manuel Schapira (2008) - Cortometraggio
  • Questione di punti di vista (36 vues du Pic Saint-Loup), regia di Jacques Rivette (2009)
  • Adorabili amiche (Thelma, Louise et Chantal), regia di Benoît Pétré (2010)
  • Si tu meurs, je te tue, regia di Hiner Saleem (2011)
  • Venuto al mondo, regia di Sergio Castellitto (2012)
  • Quai d'Orsay, regia di Bertrand Tavernier (2013)

Regista

  • Contre l'oubli, frammento:Pour Maria Nonna Santa Clara, Philippine (1991)
  • Oh pardon! Tu dormais... (1992)
  • 3000 scénarios contre un virus - Serie TV, Ep: Je t'aime moi non plus (1994)
  • Boxes - Les boîtes (2007)

Televisione

  • Armchair Mystery Theatre - serie TV (1965)
  • Armchair Theatre - serie TV (1967-68)
  • Melody, regia di Jean-Christophe Averty (1971) - Cortometraggio
  • Bons baisers de Tarzan, regia di Pierre Desfons (1974)
  • Scarface, regia di Serge Gainsbourg (1982) - Cortometraggio
  • La fausse suivante, regia di Patrice Chéreau (1985)
  • Médecins des hommes - Serie TV (1988)
  • L'ex-femme de ma vie, regia di Josée Dayan (1990)
  • Red Fox TV mini-serie (1991)
  • Quand le chat sourit, regia di Sabine Azéma (1997)
  • Cenerentola per sempre, regia di Beeban Kidron (2000)
  • Les aventuriers des mers du Sud, regia di Daniel Vigne (2006)
  • Hiver rouge, regia di Xavier Durringer (2011)
  • Bleu catacombes, regia di Charlotte Brandstrom (2013)

Discografia parziale

Album

  • 1969 - Jane Birkin-Serge Gainsbourg
  • 1969 - La Chanson du Slogan
  • 1971 - Histoire de Melody Nelson
  • 1973 - Di Doo Dah
  • 1975 - Lolita Go Home
  • 1978 - Ex-Fan des Sixties
  • 1983 - Baby Alone in Babylone
  • 1987 - Lost Song
  • 1987 - Jane Birkin au Bataclan
  • 1990 - Amours des feintes
  • 1992 - Jane B.
  • 1992 - Intégral au Casino de Paris
  • 1996 - Versions Jane
  • 1996 - Intégral a l'Olympia
  • 1998 - The Best Of
  • 1999 - À la légère
  • 2002 - Arabesque
  • 2004 - Rendez-vous
  • 2006 - Fictions

Singoli

Onorificenze

Onorificenze britanniche

Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico

 2001

Onorificenze straniere

Cavaliere dell'Ordine nazionale al merito (Francia)

 2004

Cavaliere dell'Ordre des arts et des lettres (Francia)

Voci correlate

  • Birkin Bag

Note

  1. Peter Allen. France's culture minister pays tribute to British photographer Kate Barry. standard.co.uk, 12 dicembre 2013. URL consultato il 1º maggio 2014 .
  2. Peter Allen. Kate Barry, photographer daughter of Jane Birkin and Bond film composer John Barry, dies in fall from Paris apartment. standard.co.uk, 12 dicembre 2013. URL consultato il 1º maggio 2014 .

Altri progetti

Collegamenti esterni

Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 01.05.2014 09:50:24

Questo articolo si basa sull'articolo Jane Birkin dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.