Kenny Drew

Kenny Drew - © http://drlarryross.bizland.com (worth a visit)

nato 1958 a New York City, NY, Stati Uniti d'America

morto il 4.8.1993 a Kopenhagen, Hovedstaden, Danimarca

Links hardbop.tripod.com (Inglese)

Kenny Drew

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Kenneth Sidney "Kenny" Drew (New York, 28 agosto 1928 – Copenaghen, 4 agosto 1993) è stato un pianista statunitense di musica jazz.

Agli inizi si ispirò ad Art Tatum e a Fats Waller, e le influenze che ne trasse si mescolarono a quelle successive derivanti dall'incontro con altri due capiscuola del pianismo jazz, Bud Powell e Thelonious Monk[1]

Biografia

Kenny Drew nacque in una famiglia di musicisti: pianista il fratello, insegnante di musica la sorella, pianista classica la madre che lo avviò in età precoce a lezioni di piano classico – lezioni che sarebbero proseguite anche col procedere dell'età e della carriera nel mondo del jazz. Già a dodici anni Drew ripercorreva le note di Fats Waller, per spostarsi in seguito a quelle di Art Tatum e di Teddy Wilson.

A New York frequentò la High School of Music and Art. Conobbe la Cinquantaduesima strada di Manhattan – il luogo che dagli anni trenta ai cinquanta era il punto di riunione dei jazzisti statunitensi – quando vi si recò in qualità di pianista del ballerino Pearl Primus, e lì prese contatto con l'ambiente dei musicisti jazz. Fece la prima esperienza in studio di registrazione con Howard McGhee, divenne amico di Al Haig, suonò assieme a Sonny Rollins e Art Taylor, e poi con Charlie Parker, Lester Young, Coleman Hawkins, Miles Davis; nel biennio 1952-53 fu in tournée con il quartetto di Buddy DeFranco, assieme a Curly Russell e Art Blakey[2].

Dopo un paio d'anni trascorsi nella West Coast, Drew ritornò a New York divenendo il pianista di Dinah Washington, incidendo in studio assieme a John Coltrane e Dexter Gordon tra i tanti strumentisti jazz coi quali produsse dischi di pregio, e registrando anche con un proprio trio. Dopo essersi spostato a fine decennio in Florida decise di stanziarsi in Europa, approdando nel 1961 a Parigi e stabilendosi poi definitivamente a Copenaghen dal 1964. Nella capitale danese si sposò e formò un sodalizio musicale assieme al contrabbassista Niels-Henning Ørsted Pedersen che durò fino alla morte, avvenuta nel 1993. Il figlio Kenny Drew Jr. è anch'egli un pianista classico e jazz con qualche incursione nel rock e nel funk[3].

Discografia

Come leader

  • 1953 – New Faces, New Sounds
  • 1954 – The Ideation of Kenny Drew (Norgran Records) con Eugene Wright, Lawrence Marable
  • 1955 – Talkin' and Walkin'
  • 1956 – The Kenny Drew Trio
  • 1957 – This Is New
  • 1959 – Pal Joey
  • 1961 – Undercurrent (Blue Note) con Freddie Hubbard, Hank Mobley, Sam Jones, Louis Hayes
  • 1973 – Duo (SteepleChase) con Niels-Henning Ørsted Pedersen
  • 1974 – Duo 2 (SteepleChase) con NHØP
  • 1974 – Dark Beauty (SteepleChase) con NHØP, Tootie Heath
  • 1975 – Duo Live in Concert (SteepleChase) con NHØP
  • 1976 – Morning
  • 1978 – Home Is Where the Soul Is
  • 1978 – For Sure!
  • 1982 – It Might As Well Be Spring (Soul Note)
  • 1982 – Your Soft Eyes (Soul Note) con Mads Vinding, Ed Thigpen
  • 1983 – And Far Away (Soul Note) con NHØP, Philip Catherine, Barry Altschul
  • 1983 – In Copenhagen (Storyville) con NHØP, Bo Stief
  • 1984 – Fantasia (Baystate)
  • 1986 – By Request/By Request II (Baystate) con NHØP, Ed Thigpen
  • 1989 – Recollections (Timeless Records) con NHØP, Alvin Queen
  • 1993 – At the Brewhouse (Storyville) con NHØP, Alvin Queen
  • 1996 – Solo-Duo (Storyville) con NHØP, Bo Stief

Come sideman

Con Svend Asmussen

  • 1978 – Prize/Winners

Con Tina Brooks

  • 1960 – Back to the Tracks
  • 1961 – The Waiting Game

Con John Coltrane

  • 1956 – High Step
  • 1957 – Blue Train

Con Kenny Dorham

  • 1960 – Showboat
  • 1961 – Whistle Stop

Con Dizzy Gillespie

  • 1973 – The Giant
  • 1973 – The Source

Con Dexter Gordon

  • 1955 – Daddy Plays the Horn
  • 1961 – Dexter Calling...
  • 1964 – One Flight Up

Con Grant Green

  • 1961 – Sunday Mornin'

Con Jackie McLean

  • 1960 – Jackie's Bag
  • 1961 – Bluesnik

Con Ray Nance

  • 1971 – Huffin'n'Puffin'

Con Chet Baker

  • 1958 – (Chet Baker Sings) It Could Happen to You

Con Sonny Rollins

  • 1951 – Sonny Rollins with the Modern Jazz Quartet
  • 1956 – Tour de Force

Con Ben Webster

  • 1970 – Stormy Weather

Note

  1. ^ Richard Cook, Brian Morton, The Penguin Guide to Jazz , 8th ed., Penguin, London, 2006, pag. 374.
  2. ^ Orrin Keepnews, Kenny Drew Trio, note di copertina.
  3. ^ Ian Carr, Digby Fairweather, Brian Priestley, Jazz - The Rough Guide 2nd ed., Rough Guide Ltd, London, 2000, pag. 215.

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF: (EN7573720 · LCCN: (ENn82145589 · ISNI: (EN0000 0000 7363 9797 · GND: (DE134362144 · BNF: (FRcb138934208 (data)
Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 12.08.2017 07:56:42

Questo articolo si basa sull'articolo Kenny Drew dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.