Banca dati musicale

Musicista

Modest Petrovich Mussorgsky

Modest Petrovich Mussorgsky

nato il 21.3.1839 a Karewo, Russia

morto il 28.3.1881 a St. Petersburg, Russia

Links www.naxos.com (Inglese)

Modest Musorgskij

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Modest Petrovi Musorgskij (in russo ) (nato il 21 marzo 1839, morto 28 marzo 1881) era un compositore dello stile romantico, da ricordare come un appartenente al cosiddetto "Gruppo dei Cinque" (compositori che nella loro musica lasciavano un impronta nazionale, anche nazionalista, intesa come riscoperta delle musiche russe tradizionali e del loro impatto sulla cultura nazionale).

Era destinato ad una carriera militare, ma il suo interesse principale era la musica, segui quindi questa sua passione anche se essa gli procurò una vita misera. I suoi brani, come vuole il romanticismo, esprimono l'inquietudine dell'uomo, le sue opere sono state sempre abbastanza macabre e tristi (da ricordare: Canzone e danza dei morti o Una notte sul Monte Calvo).

Il suo capolavoro è l'opera lirica "Boris Godunov", l'unico suo melodramma rappresentato mentre era ancora in vita, mentre le successive "Khovanshchina" e "La Fiera di Sorocinskij" sono rimaste incompiute alla sua morte, e completate e/o orchestrate da altri musicisti russi (Nikolaj Rimskij-Korsakov il più noto), nelle cui versioni vengono oggi messe in scena.

Il suo progetto più noto sono forse invece i "Quadri di un'esposizione", una descrizione musicale che Musorgskij dà a dei quadri dell'amico artista Victor Hartman, suite per pianoforte nella versione originale, orchestrata successivamente dal celebre compositore francese Maurice Ravel.

La vita

Modest nacque a Karevo nel 1839, figlio di un ricco proprietario terriero: fu avviato alla carriera militare, ma continuò nel contempo a studiare pianoforte con Anton Herke, il più famoso insegnante di Pietroburgo; dal 1856 si dedicò completamente alla musica.
Nel 1856 iniziò a frequentare l'ambiente da ufficiale, e conobbe il musicista Dargomyzskij: quest'ultimo gli consentì di venire a contatto con il gruppo di musicisti in seguito noto come "gruppo dei cinque" o "Russian Five" che, con la sua partecipazione, si impegnò a cambiare le caratteristiche della musica composta in Russia. I musicisti furono César Cui, Alexandr Borodin, Mili Balakirev e Nikolaj Rimskij-Korsakov; in particolare Balakirev fu anche suo maestro di composizione.
Nel 1861, però, in seguito all'approvazione della legge che abolì la servitù della gleba, il suo reddito si ridusse notevolmente, e fu costretto ad abbandonare la vita in città, troppo dispendiosa, e a ritirarsi in campagna. Questo passaggio fu fondamentale per lo sviluppo della sua creatività musicale: il contatto più diretto con i canti e le danze popolari della sua terra segnò in maniera indelebile la sua produzione.
Nel 1863, essendo sopraggiunte altre difficoltà economiche, accettò un impiego presso un ufficio governativo.
Dopo la morte della madre, con la quale aveva avuto un rapporto molto intenso, cominciò ad aumentare il consumo di alcol.
Dal 1867, dopo aver abbandonato l'impiego, si dedicò completamente ai suoi lavori musicali, di compositore e concertista: il vizio dell'alcol, purtroppo, lo portò a un rapido degrado fisico, quindi al ricovero in ospedale e alla morte avvenuta nel 1881. La sua tomba si trova al nel Cimitero Tikhvin del Monastero di Alexander Nevskij di Sanpietroburgo.

La sua musica

La musica di Musorgskij fu molto in anticipo sul suo tempo, sia sul piano ritmico che quello armonico: in particolare nei fraseggi vocali e strumentali si riscontra la tendenza a riprodurre le inflessioni del parlare quotidiano della lingua russa. La sua musica, comunque, non fu sufficientemente apprezzata dalla critica ufficiale a lui contemporanea, ed alcuni eventi personali (in particolare la scomparsa della madre e della donna amata), lo fecero precipitare in uno stato depressivo e favorirono la tendenza allalcolismo. In seguito ad un attacco epilettico, a solo quarantadue anni, morì nella solitudine in un ospedale militare. Sembra che, in punto di morte, Musorgskij abbia pronunciato la drammatica frase "Tutto è finito, il dolore sono Io!".

Opere

  • Polka Porte-enseigne, 1852
  • Boris Godunov, 1874
  • Quadri di un'esposizione
  • Kovancina
  • La fiera di Sorocinskij
  • La camera dei bambini
  • Senza sole
  • Canti e danze della morte
  • Una notte sul Monte Calvo

Altri progetti

Collegamenti esterni

Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 14.04.2007 10:37:30

Questo articolo si basa sull'articolo Modest Musorgskij dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.