Ray Barretto

Ray Barretto

nato il 29.4.1929 a Brooklyn, NY, Stati Uniti d'America

morto il 18.2.2006 a Hackensack, NJ, Stati Uniti d'America

Links www.allmusic.com (Inglese)
www.musicofpuertorico.com (Inglese)

Ray Barretto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Ray Barretto, il cui vero nome è Raimundo Barretto Pagán, detto il re delle mani dure (New York, 29 aprile 1929 – Hackensack, 17 febbraio 2006), è stato un percussionista jazz e salsa (suonatore di conga) statunitense.[1]

Biografia

Figlio di genitori portoricani, cresce al suono della musica afro-latina che fa da sfondo alla quotidianità del suo quartiere. Ma le radio trasmettono anche la musica delle orchestre swing di Duke Ellington, Count Basie e Benny Goodman che in quegli anni dominano la scena jazz e lui ne rimane folgorato. Un brano di Dizzy Gillespie, Manteca, lo convince che il latin jazz è la sua strada e approfondisce la passione per il jazz durante il servizio militare in Germania. Tornato ad Harlem suona un po' ovunque fino a quando nel 1957 entra a far parte della mitica orchestra Tito Puente in sostituzione di Mongo Santamaría, altro famoso percussionista. Seguono collaborazioni con importanti jazzisti quali il chitarrista Kenny Burrell, i pianisti Red Garland e Joe Zawinul, i sassofonisti Gene Ammons e Lou Donaldson. Nel 1961 il produttore della label Riverside gli procura il primo lavoro da bandleader che sfocia nel disco Pachanga with Barreto. A cavallo degli anni sessanta dirige il latin jazz dei Fania All Stars e produce una serie di ottimi album che esaltano la sua musica: un mix di influenze be bop lette attraverso le sonorità colorate della salsa. Muore all'età di 76 anni, a causa di complicazioni dovute ad un intervento chirurgico al cuore, il 17 febbraio 2006.

Discografia

  • 1960: Pachanga with Barretto -Barretto para bailar (Riverside RLP-97506)
  • 1962: Latino (Riverside RLP-93520)
  • 1962: Charanga moderna (Tico LP-1087)
  • 1963: On Fire Again (Encendido otra vez) (Tico SLP-1096)
  • 1963: The Big Hits Latin Style (Tico LP-1099)
  • 1964: Guajira y guaguancó (Tico SLP- 1114)
  • 1964: Moderna de Siempre (Tico LP-1102)
  • 1965: Señor 007 (UAS-6478)
  • 1965: Viva Watusi (UA Latino UAL-3445)
  • 1966: El Ray Criollo (WS LatinoWS-4052)
  • 1967: Latino con soul (UAS-6593)
  • 1968: Acid (Fania LP-362)
  • 1968: Hard Hands (Fania LP-362)
  • 1970: Together (Fania SLP-378)
  • 1972: From the Beginning (Fania SLP-410)
  • 1972: The Message (Fania SLP-403)
  • 1972: Barretto Power (Fania LP-391)
  • 1973: The other Road (Fania SLP-448)
  • 1973: indestructible (Canta Tito Allen) (Fania SLP-456)
  • 1975: Barretto (Rubén Blades y Tito Gómez) (Fania SLP-486)
  • 1976: Energy to Burn (Fania 505)
  • 1976: Tomorrow: Barretto Live (Atlantic SD 2-509)
  • 1977: Eye of the Beholder (Atlantic 19140)
  • 1978: Can You Feel It? (Atlantic 19198)
  • 1978: Gracias (Fania 528)
  • 1979: Rican/Struction (Fania JM-552)
  • 1979: La Cuna (Legacy/Epic 66126)
  • 1980: Fuerza Gigante/Giant Force (Fania JM-579)
  • 1982: Rhythm of Life (Fania JM-605)
  • 1983: Tremendo Trio (Celia Cruz y Adalberto Santiago) (Fania JM-623)
  • 1984: Todo Se Va Poder (Fania JM-633)
  • 1986: Viva la Charanga (Fania JM-640)
  • 1987: Aquí se puede (Fania JM-642)
  • 1988: Bamboleo (Fania JM-650)
  • 1988: Ritmo en el corazon (Canta Celia Cruz) (Fania 651) - Grammy Award per Best Tropical Latin Performance
  • 1989: Irresistible (Fania JM-658)
  • 1989: Guasasa (Fania 660)
  • 1990: Soy Dichoso (Fania 666)
  • 1990: Ray Barretto
  • 1991: Handprints (Concord Picante CCD-4473)
  • 1993: Ancestral messages (Concord Picante CCD-4549)
  • 1993: Carnaval
  • 1995: My summertime (Owl/Blue Note 35830)
  • 1997: Contact (Blue Note 56974)
  • 2000: Portrait in Jazz & Clave (RCA CD-68452)
  • 2001: Trancedance (Circular Moves CD-7008)
  • 2002: Omage to art Blakey (Sunnyside 1105)
  • 2000: Rhytm of life
  • 2005: Time Was - Time Is

Compilation

  • 1968: Fiesta en el barrio
  • 1970: Sometime to remember
  • 1972: From the beginning
  • 1992: descarga criolla
  • 2001: salsa caliente de Nu York!

Note

  1. ^ Blow Up #188 pg. 72, gennaio 2014, Mauro Zanda: 20 Essentials: Black (1967-1974), Editore: Tuttle Edizioni

Altri progetti

Controllo di autorità VIAF (EN34642499 · ISNI (EN0000 0000 6303 7768 · LCCN (ENn81058239 · GND (DE1343-21723 · BNF (FRcb1389-1182h (data)
Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 07.12.2018 19:26:22

Questo articolo si basa sull'articolo Ray Barretto dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.