Tony Perkins

nato il 4.4.1932 a New York City, NY, Stati Uniti d'America

morto il 12.9.1992 a Hollywood, CA, Stati Uniti d'America

Alias Anthony Perkins

Links www.imdb.com (Inglese)

Anthony Perkins

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Anthony Perkins (New York, 4 aprile 1932 – Hollywood, 12 settembre 1992) è stato un attore, regista e sceneggiatore statunitense, conosciuto soprattutto per il ruolo di Norman Bates nel film Psyco di Alfred Hitchcock e nei suoi tre sequel.

Biografia

Primi anni

Anthony Perkins nacque a New York, figlio di Janet Rane Esselstyn e dell'attore teatrale e cinematografico Osgood Perkins.[1] Studiò alla Brooks School di North Andover, alla Buckingham Browne & Nichols di Cambridge in Massachusetts, frequentò la Columbia University e il Rollins College di Winter Park (Florida). Nel 1942, alla morte del padre, si era trasferito a Boston.[2]

Carriera

Il primo film interpretato da Perkins fu L'attrice (1953). Per la seconda pellicola, La legge del Signore (1956), fu premiato con un Golden Globe quale miglior attore emergente e ricevette una nomination all'Oscar. In seguito lanciò tre album di musica pop nel 1957 e nel 1958 con la Epic Records e la RCA, sotto il nome di Tony Perkins.[3] Il suo singolo Moon-Light Swim fu un successo negli Stati Uniti e raggiunse la 24ª posizione della Billboard Hot 100 nel 1957.[4]

Nel 1958 diede prova del suo talento musicale nel film Bella affettuosa illibata cercasi... Dopo nuove acclamate prestazioni sia al cinema sia a Broadway, interpretò la parte di Norman Bates in Psyco di Hitchcock (1960). Questo ruolo e i molti sequel del film influenzarono gran parte della sua restante carriera.

Sull'onda del successo di Psycho, Perkins ebbe una brillante carriera in Europa: nel 1961 vinse il premio come miglior attore al Festival di Cannes per Le piace Brahms? di Anatole Litvak e l'anno seguente interpretò Joseph K. nel Processo di Orson Welles (1962), adattamento cinematografico del romanzo omonimo di Franz Kafka. Tornato negli Stati Uniti, assunse il ruolo di un giovane assassino disturbato in Dolce veleno (1968). Interpretò poi Chaplain Tappman in Comma 22 (1970). Perkins scrisse inoltre, insieme al compositore e paroliere Stephen Sondheim, la sceneggiatura del film Un rebus per l'assassino (1973), per il quale ottenne l'Edgar Award 1974 della Mystery Writers of America per la migliore sceneggiatura cinematografica. Tornò al ruolo di Norman Bates nei sequel Psycho II, Psycho III (che diresse) e Psycho IV.

Fra le opere teatrali interpretate a Broadway si ricordano il musical Greenwillow (1960) di Frank Loesser, e Romantic Comedy di Bernard Slade (1979), che recitò al fianco di Mia Farrow. La vita di Perkins fu meticolosamente documentata nella biografia Split Image: The Life of Anthony Perkins scritta da Charles Winecoff nel 1996.[5]

Vita privata

Perkins era bisessuale ed ebbe relazioni con molti personaggi famosi, inclusi gli attori Rock Hudson e Tab Hunter, il ballerino Rudolf Nureyev, il compositore Stephen Sondheim e il coreografo Grover Dale. Con quest'ultimo Perkins ebbe una relazione di sei anni. Nel 1972 ebbe la sua prima esperienza con una donna, quando incontrò sul set l'attrice Victoria Principal[6]. L'anno seguente, il 9 agosto 1973, Perkins si sposò con l'attrice e modella Berry Berenson. Perkins rivelò la propria bisessualità solo quando era ormai quarantenne.

Morte

Anthony Perkins morì di AIDS il 12 settembre 1992, all'età di 60 anni, a Hollywood. La vedova Berry Berenson morì l'11 settembre 2001 nel volo American Airlines 11 schiantatosi sulle Torri Gemelle. La coppia ebbe due figli: l'attore Oz Perkins (nato nel 1974) e il musicista Elvis Perkins (nato nel 1976).

Filmografia

Attore

Cinema

  • L'attrice (The Actress), regia di George Cukor (1953)
  • La legge del Signore (Friendly Persuasion), regia di William Wyler (1956)
  • Prigioniero della paura (Fear Strikes Out), regia di Robert Mulligan (1957)
  • L'uomo solitario (The Lonely Man), regia di Henry Levin (1957)
  • Il segno della legge (The Tin Star), regia di Anthony Mann (1957)
  • La diga sul Pacifico (This Angry Age), regia di René Clément (1958)
  • Desiderio sotto gli olmi (Desire Under the Elms), regia di Delbert Mann (1958)
  • Bella, affettuosa, illibata cercasi... (The Matchmaker), regia di Joseph Anthony (1958)
  • Verdi dimore (Green Mansions), regia di Mel Ferrer (1959)
  • L'ultima spiaggia (On the Beach), regia di Stanley Kramer (1959)
  • In punta di piedi (Tall Story), regia di Joshua Logan (1960)
  • Psyco (Psycho), regia di Alfred Hitchcock (1960)
  • Le piace Brahms? (Goodbye Again), regia di Anatole Litvak (1961)
  • Fedra (Phaedra), regia di Jules Dassin (1962)
  • Il coltello nella piaga (Le couteau dans la plaie), regia di Anatole Litvak (1962)
  • Il processo (Le procès), regia di Orson Welles (1962)
  • I dongiovanni della Costa Azzurra, filmato d'archivio (1962)
  • Uno dei tre (Le glaive et la balance), regia di André Cayatte (1963)
  • Un'adorabile idiota (Une ravissante idiote), regia di Édouard Molinaro (1964)
  • The Fool Killer, regia di Servando González (1965)
  • Parigi brucia? (Paris brûle-t-il?), regia di René Clément (1966)
  • Le scandale - Delitti e champagne (Le scandale), regia di Claude Chabrol (1967)
  • Dolce veleno (Pretty Poison), regia di Noel Black (1968)
  • Comma 22 (Catch-22), regia di Mike Nichols (1970)
  • Un uomo, oggi (WUSA), regia di Stuart Rosenberg (1970)
  • Dieci incredibili giorni (La décade prodigieuse), regia di Claude Chabrol (1971)
  • Qualcuno dietro la porta (Quelqu'un derrière la porte), regia di Nicolas Gessner (1971)
  • Play It As It Lays, regia di Frank Perry (1972)
  • L'uomo dai 7 capestri (The Life and Times of Judge Roy Bean), regia di John Huston (1972)
  • Lovin' Molly, regia di Sidney Lumet (1974)
  • Assassinio sull'Orient Express (Murder on the Orient Express), regia di Sidney Lumet (1974)
  • Mahagoni (Mahogany), regia di Berry Gordy, Jack Wormser (1975)
  • America at the Movies, filmato d'archivio (1976)
  • Saturday Night Live (episodio Anthony Perkins/Betty Carter, 1976)
  • Ricorda il mio nome (Remember My Name), regia di Alan Rudolph (1978)
  • I miserabili (Les miserables), regia di Glenn Jordan (1978)
  • Attacco: piattaforma Jennifer (North Sea Hijack), regia di Andrew V. McLaglen (1979)
  • Rebus per un assassinio (Winter Kills), regia di William Richert (1979)
  • Il sogno di Laura (Twee vrouwen), regia di George Sluizer (1979)
  • The Black Hole - Il buco nero (The Black Hole), regia di Gary Nelson (1979)
  • Sindrome di un assassinio (Double negative), regia di George Bloomfield (1980)
  • Psycho II, regia di Richard Franklin (1983)
  • Terrore in sala (Terror in the Aisles), regia di Andrew J. Kuehn (1984)
  • China Blue (Crimes of Passion), regia di Ken Russell (1984)
  • Psycho III, regia di Anthony Perkins (1986)
  • L'occhio della morte (Destroyer), regia di Robert Kirk (1988)
  • Dr. Jekyll e Mr. Hyde: sull'orlo della follia (Edge of Sanity), regia di Gérard Kikoïne (1989)
  • L'uomo della porta accanto (Der mann nebenan), regia di Petra Haffter (1991)
  • I vermi non portano la sciarpa (Los gusanos no llevan bufanda) (1992)

Televisione

  • The Big Story - serie TV, 1 episodio (1953)
  • Armstrong Circle Theatre - serie TV, 1 episodio (1954)
  • The Man Behind the Badge - serie TV, 2 episodi (1954)
  • Kraft Television Theatre - serie TV, 2 episodi (1954-1956)
  • Windows - serie TV, 1 episodio (1955)
  • General Electric Theater - serie TV, 1 episodio (1955)
  • Studio One - serie TV, 1 episodio (1956)
  • Front Row Center - serie TV, 1 episodio (1956)
  • Goodyear Television Playhouse - serie TV, 1 episodio (1956)
  • Evening Primrose, regia di Paul Bogart - film TV (1966)
  • Play of the Month - serie TV, 1 episodio (1968)
  • Che succede al povero Allan? (How Awful About Allan), regia di Curtis Harrington - film TV (1970)
  • First, You Cry, regia di George Schaefer - film TV TV (1978)
  • I miserabili (Les Miserables), regia di Glenn Jordan - film TV (1978)
  • La rosa d'Inghilterra (For the Term of His Natural Life), regia di Rob Stewart - miniserie TV (1983)
  • I peccati di Dorian Gray (The Sins of Dorian Gray), regia di Tony Maylam - film TV (1983)
  • Cacciatori di gloria (The Glory Boys), regia di Michael Ferguson - miniserie TV (1984)
  • Napoleone e Giuseppina (Napoleon and Josephine: A Love Story), regia di Richard T. Heffron - miniserie TV (1987)
  • Figlia delle tenebre (Daughter of Darkness), regia di Stuart Gordon - film TV (1990)
  • Vestito che uccide (I'm Dangerous Tonight), regia di Tobe Hooper - film TV (1990)
  • The Ghost Writer, regia di Alan Rafkin - film TV (1990)
  • Psycho IV (Psycho IV: The Beginning), regia di Mick Garris - film TV (1990)
  • Chillers - serie TV, 12 episodi (1990-1992)
  • Un grido nel buio (In the Deep Woods), regia di Charles Correll - film TV (1992)

Regista

  • Psycho III (1986)
  • Una fortuna da morire (Lucky Stiff) (1988)

Sceneggiatore

Doppiatori italiani

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Anthony Perkins è stato doppiato da:

  • Massimo Turci ne La diga sul Pacifico, Bella affettuosa illibata cercasi, L'ultima spiaggia, In punta di piedi, Le piace Brahms?, Il coltello nella piaga, Il processo, Un'adorabile idiota, Un uomo, oggi, Qualcuno dietro la porta, Assassinio sull'Orient Express, Psycho II, Psycho III, Che succede al povero Allan?, Un grido nel buio
  • Gianfranco Bellini ne La legge del Signore, Prigioniero della paura, L'uomo solitario, Il segno della legge, Desiderio sotto gli olmi, Verdi dimore, Parigi brucia?, Le scandale - Delitti e champagne, Vestito che uccide
  • Dante Biagioni in The Black Hole - Il buco nero, Attacco: piattaforma Jennifer
  • Massimo Lodolo in Lovin' Molly, Sindrome di un assassinio
  • Roberto Del Giudice in Desiderio sotto gli olmi (ridoppiaggio), Psycho IV
  • Pino Locchi in Psyco
  • Sandro Iovino in Comma 22
  • Oreste Lionello in L'uomo dai 7 capestri
  • Elio Pandolfi in China Blue
  • Sergio Di Stefano in Dr. Jekyll e Mr. Hyde: sull'orlo della follia
  • Dario Penne in I miserabili
  • Enrico Carabelli in La rosa d'Inghilterra

Note

  1. ^ (EN) The New York Times
  2. ^ (EN) Anthony Perkins Biography, Yahoo! Movies. URL consultato il 18 giugno 2007.
  3. ^ (EN) Tony Perkins su All Music Guide
  4. ^ (EN) Charts & Awards, Allmusic.com
  5. ^ Charles Winecoff, Split Image: The Life of Anthony Perkins, New York, Dutton, 1996, ISBN 0-525-94064-2.
  6. ^ (EN) Tina Gianoulis, Perkins, Anthony (1932-1992), GLBTQ Encyclopedia. URL consultato il 18 giugno 2007 (archiviato dall'url originale il 3 gennaio 2014).

Bibliografia

  • Michelangelo Capua, Anthony Perkins. Prigioniero della paura, Torino, Lindau, 2003

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF: (EN117496191 · LCCN: (ENn90704435 · ISNI: (EN0000 0000 8414 1222 · GND: (DE11904-2479 · BNF: (FRcb138983713 (data)
Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 05.09.2017 18:30:40

Questo articolo si basa sull'articolo Anthony Perkins dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.