Robben Ford

Robben Ford

nato il 16.12.1951 a Woodlake, CA, Stati Uniti d'America

Links www.robbenford.com (Inglese)

Robben Ford

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Robben Ford (Woodlake, 16 dicembre 1951) è un chitarrista statunitense.

Il suo stile spazia tra blues, jazz e fusion.

Biografia

È cresciuto a Ukiah dove, dopo 3 anni di studio del sassofono, ha cominciato a prendere lezioni di chitarra dal 1965 e dove ha comprato la sua prima chitarra nel 1969.

Il padre Charles aveva una propria band (chiamata, appunto, Charles Ford Blues Band) nella quale suonavano anche Robben ed i suoi fratelli Mark (armonica a bocca) e Patrick (batteria)[1]. Quest'ultimo è oggi il leader della Ford Blues Band, che vede alla chitarra e alla voce Volker Strifler (il secondo chitarrista di Robben).

La sua carriera da chitarrista professionista è iniziata nel 1969, quando la Charles Ford Blues Band aprì un concerto di Charlie Musselwhite.

Robben Ford si è guadagnato una fama mondiale come chitarrista nel tour di Miles Davis del 1986, nel quale univa gli espedienti tecnici del blues e del jazz. Robben ha anche suonato nei dischi e nei concerti di Jimmy Witherspoon, George Harrison, Joni Mitchell e con gli Yellowjackets di cui fu tra i membri formatori.

Il suo primo album - "Discovering the Blues" - è del 1972. I successivi "Schizophonic" (1976) e "The Inside Story" (1979) hanno ottenuto il disco d'oro nel 1980.

Nel 1983 ha pubblicato "WordS AnD MusiC", seguito da "Robben Ford" nel 1986. L'album successivo, "Talk to Your Daughter" (1988), ha ottenuto il disco d'oro nel 1989. Negli anni Novanta i suoi lavori migliori sono stati "Handful of Blues", "Blues Connotation" e "Tiger Walk", con un ritorno alle sue radici blues.

La strumentazione tipica di Robben Ford è costituita da due elementi fondamentali: gli amplificatori "Dumble" (costosissimi prodotti artigianali statunitensi) e la chitarra costruita per lui dalla Fender (la "Robben Ford Signature"). Negli ultimi anni ha abbandonato, sia dal vivo che in studio, la sua Fender Signature, per utilizzare una Fender Telecaster bianca del '60, o una Gibson Les Paul Gold Top del '57, o Gibson Les Paul di liuteria.

Ford è stato nominato uno dei "Migliori 100 chitarristi del ventesimo secolo" dalla storica rivista statunitense Musician[2].

Robben è sposato con Anne Kerry Ford, cantante da cabaret con la quale ha collaborato in diversi progetti.

Discografia

Album

  • 1972 Discovering the Blues [live] Rhino
  • 1976 Schizophonic MCA
  • 1979 The Inside Story Elektra
  • 1988 Robben Ford Warner Bros.
  • 1988 Talk to Your Daughter Warner Bros.
  • 1988 Words and Music Warner Bros.
  • 1992 Robben Ford & the Blue Line Stretch
  • 1993 Mystic Mile Stretch
  • 1995 Handful of Blues Blue Thumb
  • 1996 Blues Connotation ITM
  • 1997 Tiger Walk Blue Thumb
  • 1998 The Authorized Bootleg [live] Blue Thumb
  • 1999 Supernatural Blue Thumb
  • 2001 A Tribute to Paul Butterfield Blue Rock'it
  • 2001 Live in San Francisco Jazz Door
  • 2002 Blue Moon Concord Jazz
  • 2003 Keep on Running Concord Jazz
  • 2007 Truth Concord Jazz
  • 2013 Bringing it Back Home Mascot Label Group
  • 2014 A Day In Nashville Mascot Label Group
  • 2015 Into the Sun Mascot Label Group

Compilation

  • 1997 Blues Collection Blue Rock'it
  • 1999 Sunrise [live] Rhino
  • 2001 Anthology: The Early Years Rhino

Tribute album

  • 2004 Spin the Bottle: An All-Star Tribute to Kiss

Note

  1. ^ Tony Russell, The Blues: From Robert Johnson to Robert Cray, Dubai, Carlton Books Limited, 1997, p. 110, ISBN 1-85868-255-X.
  2. ^ Vervemusicgroup.com information Archiviato il 26 ottobre 2006 in Internet Archive.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF: (EN71583424 · LCCN: (ENn84041043 · ISNI: (EN0000 0000 7839 5859 · GND: (DE1346-26885 · BNF: (FRcb13948489k (data)
Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 24.10.2017 14:41:40

Questo articolo si basa sull'articolo Robben Ford dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.