Matt Dillon

Matt Dillon

nato il 18.2.1964 a New Rochelle, NY, Stati Uniti d'America

Links www.imdb.com (Inglese)

Matt Dillon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Matt Dillon al Tribeca Film Festival 2009

Matthew Raymond Dillon (New Rochelle, 18 febbraio 1964) è un attore e regista statunitense.

Biografia

Dillon nasce a New Rochelle (New York) il 18 febbraio 1964 figlio di immigrati irlandesi. Con i film I ragazzi della 56ª strada (The Outsiders) e Rusty il selvaggio (Rumble Fish), entrambi diretti da Francis Ford Coppola, iniziò la carriera alla fine degli anni settanta, divenendo subito un idolo degli adolescenti.

È un attore molto versatile, che è riuscito ad uscire dall'effimero stereotipo della star giovanile, passando nella sua carriera da commedie come I maledetti di Broadway (Bloodhounds of Broadway), In & Out o Tutti pazzi per Mary (There's Something About Mary), ad interpretazioni drammatiche, come il ruolo di Henry Chinaski (alterego letterario di Charles Bukowski) in Factotum o come quella in Crash - Contatto fisico (Crash), che gli è valsa una nomination per il premio Oscar nel 2004 come attore non protagonista (per lo stesso film ha vinto l'Independent Spirit Awards).

Nel 2002 ha debuttato alla regia con il film City of Ghosts. Nel 2006 ha vinto il premio Donostia al festival di San Sebastian.

Anche il fratello Kevin è attore.

Filmografia

Attore

  • Giovani guerrieri (Over the Edge), regia di Jonathan Kaplan (1979)
  • Little darlings, regia di Ronald F. Maxwell (1980)
  • La mia guardia del corpo (My Bodyguard), regia di Tony Bill (1980)
  • Gunmen's Blues, regia di Eric Red (1981) - Cortometraggio
  • The Great American Fourth of July and Other Disasters, regia di Richard Bartlett (1982) - Film TV
  • Un ragazzo chiamato Tex (Tex), regia di Tim Hunter (1982)
  • American Blue Jeans (Liar's Moon), regia di David Fisher (1982)
  • I ragazzi della 56ª strada (The Outsiders), regia di Francis Ford Coppola (1983)
  • Rusty il selvaggio (Rumble Fish), regia di Francis Ford Coppola (1983)
  • Flamingo Kid (The Flamingo Kid), regia di Garry Marshall (1984)
  • Target - Scuola omicidi (Target), regia di Arthur Penn (1985)
  • Rebel, regia di Michael Jenkins (1985)
  • Paura (Native Son), regia di Jerrold Freedman (1986)
  • Braccio vincente (The Big Town), regia di Ben Bolt (1987)
  • Kansas, regia di David Stevens (1988)
  • Drugstore Cowboy, regia di Gus van Sant (1989)
  • I maledetti di Broadway (Bloodhounds of Broadway), regia di Howard Brookner (1989)
  • Un bacio prima di morire (A Kiss Before Dying), regia di James Dearden (1991)
  • Women & Men 2: In Love There Are No Rules, regia di Walter Bernstein e Mike Figgis (1991) - Film TV
  • Singles - L'amore è un gioco (Singles), regia di Cameron Crowe (1992)
  • Fort Washington - Vita da cani (The Saint of Fort Washington), regia di Tim Hunter (1993)
  • Mister Wonderful, regia di Anthony Minghella (1993)
  • Golden Gate, regia di John Madden (1994)
  • Da morire (To Die For), regia di Gus van Sant (1995)
  • Frankie delle stelle (Frankie Starlight), regia di Michael Lindsay-Hogg (1995)
  • Beautiful Girls, regia di Ted Demme (1996)
  • La grazia nel cuore (Grace of My Heart), regia di Allison Anders (1996)
  • Insoliti criminali (Albino Alligator), regia di Kevin Spacey (1996)
  • In & Out, regia di Frank Oz (1997)
  • Sex Crimes - Giochi pericolosi (Wild Things), regia di John McNaughton (1998)
  • Tutti pazzi per Mary (There's Something About Mary), regia di Bobby e Peter Farrelly (1998)
  • Un corpo da reato (One Night at McCool's), regia di Harald Zwart (2001)
  • Deuces Wild - I guerrieri di New York (Deuces Wild), regia di Scott Kalvert (2002)
  • City of Ghosts, regia di Matt Dillon (2002)
  • Employee of the Month, regia di Mitch Rouse (2004)
  • Crash - Contatto fisico (Crash), regia di Paul Haggis (2004)
  • Loverboy, regia di Kevin Bacon (2005)
  • Factotum, regia di Bent Hamer (2005)
  • Herbie - Il super Maggiolino (Herbie Fully Loaded), regia di Angela Robinson (2005)
  • Tu, io e Dupree (You, Me and Dupree), regia di Anthony e Joe Russo (2006)
  • Nothing But the Truth, regia di Rod Lurie (2008)
  • Daddy Sitter (Old Dogs), regia di Walt Becker (2009)
  • Blindato (Armored), regia di Nimród Antal (2009)
  • Takers, regia di John Luessenhop (2010)
  • Girl Most Likely, regia di Shari Springer Berman e Robert Pulcini (2012)
  • Pawn Shop Chronicles, regia di Wayne Kramer (2013)
  • The Art of the Steal, regia di Jonathan Sobol (2013)
  • Sunlight Jr., regia di Laurie Collyer (2013)
  • Affari di famiglia (Bad Country), regia di Chris Brinker (2014)

Regista

  • City of Ghosts (2002)

Doppiatori italiani

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Matt Dillon è stato doppiato da:

  • Francesco Prando in Da morire, Un corpo da reato, City of Ghosts, Herbie - Il super maggiolino, Tu, io e Dupree, Takers, Modern family
  • Pino Insegno in Mr. Wonderful, Crash - Contatto fisico, Blindato
  • Mauro Gravina in Drugstore Cowboy, Un bacio prima di morire, Target - Scuola omicidi
  • Riccardo Rossi in Rusty il selvaggio, Drugstore Cowboy (ridoppiaggio), Insoliti criminali
  • Sandro Acerbo in Flamingo Kid, I maledetti di Broadway
  • Luca Ward in Beautiful Girls, Kansas
  • Angelo Maggi in Factotum, Daddy Sitter
  • Teo Bellia in Tutti pazzi per Mary
  • Roberto Chevalier in In & Out
  • Gianni Giuliano in I ragazzi della 56ª strada
  • Massimo De Ambrosis in Sex Crimes - Giochi pericolosi
  • Francesco Bulckaen in Loverboy
  • Loris Loddi in La mia guardia del corpo
  • Roberto Draghetti in Affari di famiglia - Bad County

Altri progetti

Collegamenti esterni

  • Scheda su 0000369 dell'Internet Movie Database
Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 16.04.2014 10:46:39

Questo articolo si basa sull'articolo Matt Dillon dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.