Annie Lennox

Annie Lennox - © Manfred Werner - Tsui, wikipedia.org

nata il 25.12.1954 a Aberdeen, Scotland, Gran Bretagna

Links www.annie-lennox.com (Inglese)

Annie Lennox

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
Oscar alla migliore canzone 2004

Anne Lennox, nota come Annie Lennox (Aberdeen, 25 dicembre 1954), è una cantante scozzese, fondatrice e membro degli Eurythmics.

Biografia

Frequenta fin dall'età di 7 anni una scuola di piano. In seguito viene ammessa alla Royal Academy of Music di Londra dove studia flauto traverso con buoni risultati. Nel 1991 partecipa con un cameo al film Edoardo II di Derek Jarman.

Sì è sposata tre volte; dal secondo matrimonio ha avuto due figlie, Lola (nata nel 1990) e Tali (nata nel 1993). La figlia maggiore a soli 16 anni ha deciso di seguire le orme della madre, dedicandosi però alla musica classica. A metà settembre 2012 Annie Lennox è convolata a nozze per la terza volta, col medico ginecologo sudafricano Mitch Besser.

Carriera artistica

1977–90: The Tourists e gli Eurythmics

Ha raggiunto la popolarità come cantante di musica pop, cantando per tre anni nel gruppo scozzese The Tourists (con cui ha inciso 3 LP) tra il 1976 e il 1980.

All'inizio degli anni 1980 tra Annie e il chitarrista del gruppo, David A. Stewart, nasce una relazione sentimentale. I due, per quanto la relazione si fosse già esaurita, decidono di lasciare il gruppo per crearne uno nuovo: gli Eurythmics. All'inizio della carriera degli Eurythmics, Lennox si distingue per il suo look androgino, tanto da impersonare un mito di sesso maschile: Elvis Presley. Molti giornalisti spesso si riferiscono a lei come "la Grace Jones bianca". Negli anni ottanta il duo pubblica una lunga serie di singoli divenuti in seguito i loro più "classici" successi: Sweet Dreams (Are Made of This), Here Comes the Rain Again, Would I Lie to You?, There Must Be an Angel (Playing with My Heart), Missionary Man, You Have Placed a Chill in My Heart, Don't Ask Me Why e altri. Nel 1991, dopo la rottura (informale) con Dave Stewart, Anne Lennox intraprende una lunga carriera da solista pareggiando il successo ottenuto con il precedente duo.

1992–93: Diva

Il suo primo album solista del 1992, Diva, è un successo inequivocabile sia di critica che commerciale. Il suo successo continua grazie ai singoli estratti da Diva, (uno per tutti la celebre Why) che le assicurano numerosi premi, cimentandosi nel 1992 anche nella composizione della colonna sonora del celebre film Dracula di Bram Stoker di Francis Ford Coppola. Nello stesso anno partecipa anche al Freddie Mercury Tribute Concert duettando con David Bowie nella canzone Under Pressure. Le sue apparizioni si fanno via via sempre più rare tanto da allontanarla progressivamente dallo show business.

1995–2000: Medusa e il ritorno degli Eurythmics

Anche Medusa, pubblicato tre anni dopo l'uscita di Diva ottiene dei buoni risultati di pubblico, grazie anche al successo riscosso dal primo singolo estratto No More I Love You's col quale vincerà un grammy come migliore performance femminile pop. Nel 1995 partecipa alla colonna sonora del film di Ron Howard, Apollo 13, cantando il brano nei titoli di coda. Nel 1997 Annie ha registrato nuovamente la canzone degli Eurythmics Angel in omaggio a Diana, Principessa del Galles. Nel 1998 stabilisce nuovi contatti con Dave Stewart e nel 1999 i rinati Eurythmics producono l'album Peace.

2003–07: Bare e l'oscar per la miglior canzone

Nel 2003 ha pubblicato il suo terzo album da solista, Bare.

Nel 2004, la Lennox ha vinto l'Oscar per la migliore canzone (Academy Award for Best Song) per Into the West dal film Il Signore degli Anelli - Il ritorno del re alla 76th Academy Awards. Precedentemente aveva registrato Use Well the Days per il film, nel cui testo abbondano le citazioni di Tolkien. Questa canzone non è stata utilizzata nel film, bensì appare su un DVD bonus incluso con l'edizione speciale del CD della colonna sonora del film. Nel luglio 2005, Annie Lennox ha partecipato al Live 8 ad Hyde Park, Londra.

2007–09: Songs of Mass Destruction e The Annie Lennox Collection

Il suo quarto album in studio Songs of Mass Destruction è uscito in Italia il 1º ottobre 2007. Inizialmente prevista a settembre 2008, la prima raccolta della carriera solista, The Annie Lennox Collection, è stata posticipata a causa di problemi di salute all'inizio del 2009. Quattordici canzoni tra le più significative della sua produzione senza gli Eurythmics. L'antologia contiene anche tre cover: A Whiter Shade of Pale dei Procol Harum (già presente nell'album Medusa), Shining Light degli Ash ed infine Closer Now dei Keane (reincisa con il nuovo titolo Pattern of My Life). Tra le tracce invece troverà spazio anche Love Song for a Vampire incisa nel 1992. Questo disco è il suo ultimo lavoro pubblicato con la Sony BMG.

2010-2014: A Christmas Cornucopia e Nostalgia

Ad agosto 2010 Annie Lennox ha firmato un nuovo contratto discografico con la Island Records nel Regno Unito e la Decca Records negli Stati Uniti (entrambe parti dello Universal Music Group). Il suo primo lavoro è un album natalizio intitolato A Christmas Cornucopia, pubblicato il 15 novembre 2010[1][2]. L'album contiene interpretazioni di classiche canzoni natalizie e il nuovo brano Universal Child, che è stato pubblicato come primo singolo il 12 ottobre[3]. Lennox aveva interpretato il brano ad American Idol nell'aprile 2010. Il 4 novembre Annie Lennox ha pubblicato sul proprio canale YouTube il video per il brano God Rest Ye Merry Gentlemen.[4]

Il 21 ottobre 2014 viene pubblicato il suo nuovo album Nostalgia nel quali sono presenti solo cover di altri brani interpretati dalla cantante, i primi due estratti sono I Put a Spell on You e Summertime.

L'album ottiene una candidatura ai Grammy Awards nella categoria Best Traditional Pop Vocal Album. L'8 febbraio 2015 durante i Grammy Awards si esibisce con Hozier in Take Me to Church e I Put a Spell on You. Sempre nello stesso mese I Put a Spell on You entra a far parte della colonna sonora del film Cinquanta sfumature di grigio.

Discografia

Con gli Eurythmics

Album in studio

  • 1981 – In the Garden
  • 1983 – Sweet Dreams (Are Made of This)
  • 1983 – Touch
  • 1984 – 1984 (For the Love of Big Brother)
  • 1985 – Be Yourself Tonight
  • 1986 – Revenge
  • 1987 – Savage
  • 1989 – We Too Are One
  • 1999 – Peace

Album dal vivo

  • 1993 – Live 1983-1989

Raccolte

  • 1984 – Touch Dance
  • 1991 – Greatest Hits
  • 2005 – Ultimate Collection
  • 2005 – Boxed

Da solista

Album in studio

  • 1992 – Diva
  • 2003 – Bare
  • 2007 – Songs of Mass Destruction
  • 2010 – A Christmas Cornucopia
  • 2014 – Nostalgia

Raccolte

  • 1995 – Medusa
  • 2009 – The Annie Lennox Collection

Onorificenze

Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico
— 31 dicembre 2010[5]

Note

  1. ^ Annie Lennox album - Notizie online MTV
  2. ^ Annie Lennox "A Christmas Cornucopia" – Tracklist, album cover, single & more, ethrill.net. URL consultato il 3 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2010).
  3. ^ Annie Lennox: Universal Child (E-Single), Decca Records. URL consultato il 3 ottobre 2010.
  4. ^ Annie Lennox Gets 'Mythical' in 'God Rest Ye Merry Gentlemen' - Video Premiere - Spinner
  5. ^ The London Gazette (PDF), nº 59647, 31 dicembre 2010, p. 11.

Voci correlate

  • Eurythmics
  • Synth pop
  • Musica pop
  • Eurodance
  • Eurodisco
  • Musica disco
  • Musica elettronica
  • Elettro
  • Musica dance

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF (EN5123106 · ISNI (EN0000 0001 1437 0449 · LCCN (ENn92080019 · GND (DE119183293 · BNF (FRcb13944272b (data)
Questa pagina è stata modificata l'ultima volta il 24.09.2018 21:03:15

Questo articolo si basa sull'articolo Annie Lennox dell'enciclopedia liber Wikipedia ed è sottoposto a LICENZA GNU per documentazione libera.
In Wikipedia è disponibile una lista degli autori.